Contenuto Principale

Palio di Siena: il regolamento

Le norme ufficiali che regolano sorteggio e svolgimento della corsa risalgono al 1656 e hanno subito l'ultima modifica con la delibera del Consiglio Comunale di Siena del 10 giugno 1999, n. 146.

Leggi tutto...

Pan pepato o panpepato: videoricetta

Il pampepato (detto anche panpepato) è un tipico dolce natalizio della tradizione contadina cotto al forno a legna realizzato con un impasto di cannella, mandorle, nocciole, noce moscata, noci, pepe, pinoli, frutta candita (arancia e cedro) e uva passa, a volte impastato con cacao, caffè, cioccolato, farina, liquori o miele.

Le zone di produzione sono l'Emilia Romagna (Ferrara), il Lazio (Rieti), la Toscana (la provincia di Siena) e l'Umbria (Terni). In particolare, il panpepato di Siena risale al Medioevo.

(ToscanaGo, 25 dicembre 2012. Leggi anche: I Ricciarelli di Siena e Il Panforte di Siena)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

I Ricciarelli di Siena

Tipici della provincia di Siena, sono un prodotto dolciario ottenuto dalla lavorazione di un impasto a base di mandorle, zuccheri, albume d'uova successivamente cotto in forno.

Leggi tutto...

I ricciarelli: videoricetta

Nel corso della trasmissione La Prova del Cuoco di Rai Uno viene presentato il procedimento per la realizzazione dei famosi Ricciarelli di Siena, dolce tipico senese ottenuto dalla lavorazione di un impasto a base di mandorle, zuccheri, albume d’uova successivamente cotto in forno.

(ToscanaGo, 25 dicembre 2012. Leggi anche: I Ricciarelli di Siena)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Siena App: lo store ufficiale

Lo store delle applicazioni su Siena e dintorni: informazioni e luoghi di interesse di tutti i comuni della provincia

Una grande innovazione per la provincia di Siena, uno dei primi casi, se non il primo, di piattaforma nata per ospitare tutte le applicazioni che possono aiutare sia il cittadino che il turista a vivere e conoscere a fondo il territorio senese.

Siena App accoglie nel proprio store applicazioni differenti fra di loro per contenuti e servizi offerti: da Siena Info, ideale per avere sempre a propria disposizione numeri ed informazioni utili, a Siena Bookshop, la libreria digitale delle migliori pubblicazioni su Siena e provincia; da Siena Meteo, per essere sempre aggiornati sul tempo che fa nel territorio senese, a Siena Notizie Feed, per essere sempre aggiornati sugli avvenimenti della provincia di Siena.

Scaricate Siena App e scoprite queste e tantissime altre app per avere sempre in tasca tutto il meglio di Siena e provincia.


Video esplicativo a cura di Moviement:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Antonella Natangelo: l'arpa di San Gimignano

Antonella Natangelo è una straordinaria arpista toscana diplomata in canto lirico al Conservatorio Cherubini di Firenze.

Appassionata di fantasy e leggende anglosassoni, dal 1997 si avvicina all'arpa celtica senza comunque trascurare lo studio dell'arpa classica.

Oggi vive a San Gimignano e, se vi avventurate per le stradine del paese,

Leggi tutto...

The Twilight Saga: New Moon

Condividi

New Moon è un film della saga Twilight girato nel 2009 da Chris Weitzil. Alcune scene del film sono state girate in Toscana: al posto della Piazza dei Priori di Volterra, scelta inizialmente, la produzione ha però preferito alla fine Piazza Grande a Montepulciano, dove sono state in realtà effettuate le riprese dal 18 al 30 maggio 2009 che vedete nel video sotto (nonostante ci sia scritto Volterra).

(ToscanaGo, 20 dicembre 2012. Guarda tutti i film)


Le scene girate a Montalcino (Siena):

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti neivideo. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Crete Senesi: un paesaggio lunare

Un paesaggio lunare a pochi chilometri dalla città di Siena

Crete Senesi è il nome di una zona della Toscana che racchiude i comuni di Asciano, Buonconvento, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme, San Giovanni d'Asso e Trequanda (Siena). Il territorio è brullo, con qualche alberello che cresce isolato sulle colline, e prende il nome dalla creta, un'argilla caratteristica, mista a salgemma e gesso, che durante l'inverno conferisce al paesaggio un'aspetto tipicamente lunare grazie ai colori freddi della terra tendente da un grigio-azzurrognolo fino al bianco ghiaccio.

Molto caratteristico da questo punto di vista è il Deserto di Accona, un'area semiarida posta a sud-ovest di Asciano: qui si nota maggiormente la magia del tempo che si è impressa su queste crete nate dai sedimenti di un mare che durante l'era geologica chiamata Pliocene (da 2,5 a 5 milioni di anni fa) copriva tutta la zona.

Crete Senesi ha un proprio sito ufficiale sul quale è possibile informarsi sulle iniziative e le attrazioni della zona.

(ToscanaGo, 25 dicembre 2012. Leggi anche la scheda Mangiare e dormire a Siena e dintorni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Crete Senesi: la notte e il giorno.


Il video di Carlo Mazzotta.


Come si sono formate le crete senesi.


Carrellata di immagini fisse.

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nei video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Pici allo zafferano DOP: videoricetta

Denny Bruci, chef presso il ristorante Il Sale dell'agriturismo Poggio ai Santi di San Vincenzo (Livorno), mostra come cucinare i pici cacio e pepe allo zafferano dop di San Gimignano e i cantuccini toscani allo zafferano.

Lo chef coglie anche l'occasione per farci conoscere l'azienda agricola Il Vecchio Maneggio di Tiziana Pieraccini, in San Gimignano (Siena) che produce prodotti biologici come lo zafferano dop e il miele allo zafferano.

(ToscanaGo, 20 dicembre 2012)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Pici cacio e pepe: videoricetta

Angela e Gherardo, dell'agriturismo La Moscadella di Castelmuzio (Siena), mostrano come preparare a mano i pici, pasta tipica del senese, e come cucinarli secondo la tradizionale e semplice ricetta "cacio e pepe".

(ToscanaGo, 20 dicembre 2012)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Quantum of Solace

Quantum of Solace è il ventiduesimo episodio della serie di James Bond. Girato nel 2008 da Marc Forster, con Daniel Craig nei panni dell'agente segreto 007, il film è ambientato in parte in Toscana: nelle cave di marmo di Carrara, alla Torre di Talamonaccio (Orbetello, Grosseto) e a Siena (durante il Palio).

(ToscanaGo, 20 dicembre 2012. Guarda tutti i film)


L'inseguimento nelle cave di marmo di Carrara:

La scena con Giancarlo Giannini alla Torre del Talamonaccio:

Le scene girate al palio di Siena:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nei video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

iVernaccia: la app ufficiale

iVernaccia è la app realizzata da Geographike per la promozione territoriale di San Gimignano. Sviluppata per il Consorzio della Denominazione San Gimignano, iVernaccia è di fatto una piattaforma collaborativa di promozione territoriale che offre servizi informativi geolocalizzati agli utenti in visita.

Leggi tutto...

Pappa al pomodoro: videoricetta

Andrea Trapani, chef coordinatore del dipartimento di cucina della scuola internazionale Apicius di Firenze, presenta la preparazione di un piatto tipico della cucina toscana "povera": la pappa al pomodoro.

La ricetta ha origini contadine e proviene, nella versione originaria, dalla zona di Siena.

(ToscanaGo, 13 dicembre 2012)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Vino fra Mito e Storia

Mostra itinerario dal 24 novembre 2012 al 5 maggio 2013

Un viaggio alla scoperta delle radici della cultura del vino nelle terre di Siena, conosciute in tutto il mondo per le eccellenze enologiche e il legame autentico con la coltura della vite e la produzione vitivinicola. E’ la mostra diffusa “Vino fra mito e storia”, promossa da Provincia di Siena e Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, visitabile fino al 5 maggio 2013.

Nel cuore vitivinicolo delle terre di Siena. La mostra, un itinerario nell’antichità attorno alla vite e al vino, è organizzata come evento diffuso: il nucleo principale è a Siena, nella sede di Enoteca Italiana, dove sarà allestito un percorso espositivo sulla storia del vino. Sempre nella città del Palio, nei suggestivi ambienti del Santa Maria della Scala, è in mostra un oggetto unico, il cinerario di Montescudaio. I cinque territori maggiormente rappresentativi dell’eccellenza vitivinicola delle terre di Siena ospitano le mostre collaterali, integrate nelle collezioni permanenti dei musei: Castellina in Chianti, nel Museo Archeologico del Chianti Senese; Castelnuovo Berardenga, nel Museo del Paesaggio; Montalcino, nel Museo Civico e Diocesano; Montepulciano, nel Museo Civico Pinacoteca Crociani e San Gimignano, nel Museo Archeologico e Spezieria di Santa Fina.
 
In mostra l’evolversi della cultura del vino. In luoghi indissolubilmente legati al mondo vitivinicolo, i visitatori saranno guidati a ripercorre, attraverso le testimonianza archeologiche, le tappe fondamentali dell’evolversi della cultura del vino in tutto il bacino del Mediterraneo e, in particolar modo, sul territorio toscano e su quello della provincia di Siena, dove si producono eccellenze enologiche tra le più qualificate e note nel mondo. Tappe di un lungo viaggio che, partito più di cinquemila anni fa nel vicino Oriente, passando per i Greci, i Romani e gli Etruschi, arriva fino all’Italia medievale e moderna. Numerosi oggetti in mostra ne portano testimonianza: vasi e utensili in bronzo, ma anche urne dove i defunti sono raffigurati sdraiati a banchetto e, per i visitatori più curiosi, la ricostruzione di un triclinum romano, completo di tutti gli arredi. Nella mostra - curata da Giuseppina Carlotta Cianferoni, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Firenze - sarà esposta per la prima volta anche una parte di un corredo funebre rinvenuto nella necropoli di Bosco Le Pici, a Castelnuovo Berardenga.

Castellina in Chianti

Il consumo del vino e l’iconografia di Dioniso e del suo seguito di satiri e menadi saranno rappresentati da una serie di oggetti che “dialogheranno” con i reperti già esposti al museo e in particolare con l’anfora proveniente dalla Necropoli del Poggino di Fonterutoli con la rappresentazione di un banchetto, allietato da musici che si svolge sotto un pergolato carico di uva.
Museo Archeologico del Chianti Senese
Piazza del Comune, 17/18
53011 Castellina in Chianti
Tel. 0577/742090
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Castelnuovo Berardenga

Nel Museo del Paesaggio sarà esposta per la prima volta una parte di un corredo rinvenuto nella necropoli di Bosco le Pici. Il banchetto e il simposio sono qui rappresentati da una serie di oggetti legati al consumo del vino.
La rappresentazione del banchetto funebre che veniva ricreata nei corredi che accompagnavano il defunto nell’estremo viaggio costituisce una testimonianza preziosissima per poter capire come, nella vita quotidiana, doveva svolgersi il banchetto.
Museo del Paesaggio
Via Chianti, 61
53019 Castelnuovo Berardenga
Tel. 0577/351337
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Montalcino

Un corredo in bucchero, un cratere a colonnette a figure nere, un’anfora con satiri e menadi e un’antefissa con satiro illustreranno il banchetto e i personaggi che accompagnavano Dioniso nelle rappresentazioni dei miti legati alla storia del vino.
Museo Civico e Diocesano d’Arte Sacra e Raccolta Archeologica
Via Ricasoli, 31 - 53024 - Montalcino
Tel. 0577/846014 - 0577/849331

Montepulciano

I reperti recuperati del relitto del Polluce, al largo dell’Isola d’Elba, parlano di una storia più recente, ma non meno affascinante: oggetti di uso quotidiano e parti del corredo della tavola, raccontano la vita a bordo di un piroscafo del XIX secolo.
Museo Civico Pinacoteca Crociani
Palazzo Neri Orselli
Via Ricci, 10 - 53045 Montepulciano
Tel. 0578/717300

San Gimignano

Il vino nell’Italia medievale e moderna è il tema proposto al museo di San Gimignano: i reperti della San Gimignano medievale dialogheranno con boccali in maiolica arcaica (XIII-XIV secolo), in maiolica rinascimentale, in maiolica policroma (post XV secolo), provenienti dagli scavi del centro di Firenze.
Museo Archeologico e Spezieria di Santa Fina
Via Folgore, 11
53037 San Gimignano
Tel.: 0577/940348
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fondazione Musei Senesi, comunicato stampa 24 novembre 2012)

Museo Siena: la app del Museo Civico

Un’applicazione per smartphone e tablet permetterà al visitatore di scoprire il palazzo e il museo

Ecco “Museo Siena”, ovvero il Museo Civico di Siena come non lo avete mai visto. Uno dei luoghi più celebrati del Medioevo italiano diventa esperienza multimediale e si offre al visitatore in una veste insolita, confidenziale e spettacolare al tempo stesso: uno strumento dinamico, affascinante, coinvolgente che rende ancora più piacevole e divertente la scoperta di un grande capolavoro.

Leggi tutto...

Spezzatino con olive: videoricetta

Denny Bruci, chef presso il ristorante Il Sale dell'agriturismo Poggio ai Santi di San Vincenzo (Livorno), incontra Daniele Mazzanti, allevatore di maiali di cinta, mucche maremmane e polli livornesi, razze (o popolazioni, come preferisce chiamarle lui in segno di rispetto) e proprietario dell'agriturismo La Cerreta.

Daniele Mazzanti ci parla della cinta senese, del suo modo "biodinamico" di crescerli e delle particolari modalità di macellazione che garantiscono il mantenimento di quello che lui definisce il "sapore del territorio".

La ricetta che illustra in questo caso Denny Bruci è lo spezzatino con le olive.

(ToscanaGo, 13 dicembre 2012)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trova il video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Castello di Monteriggioni: la app ufficiale

Il progetto di valorizzazione del Castello di Monteriggioni nasce dalla volontà congiunta del Comune di Monteriggioni e della Fondazione Musei Senesi di applicare le più moderne tecnologie di musealizzazione del patrimonio culturale diffuso a uno dei più importanti monumenti del Medioevo d’Europa.

Leggi tutto...

Alternative Schokolade: versuchen italienischen Panforte

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Alternativ konfekt: prøv italiensk Panforte

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

iBrunello HD: la app di Montalcino

Si chiama iBrunello HD ed è la app ufficiale GRATUITA sviluppata da Brookshaw e Gorelli per il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino con la quale è possibile immergersi nel territorio del vino più famoso d'Italia i Montalcino ed approfondire la conoscenza di tutti i

Leggi tutto...

Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti