Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Terra di Siena film festival 2013

"Non solo un’occasione per dare voce a film di qualità e far conoscere giovani artisti e registi, ma anche per mettere al centro il territorio toscano": questa la doppia valenza del Terra di Siena International Film Festival, come ha sottolineato il presidente della commissione Cultura del Consiglio regionale Nicola Danti, presentando a palazzo Panciatichi la XVII edizione.

"È significativo che un evento del genere dia particolare importanza ai giovani, attraverso cortometraggi e webserie – ha continuato il presidente – e soprattutto possa far conoscere al pubblico film di grande valore, che non hanno trovato spazio nella distribuzione cinematografica". Non a caso, tra i film più attesi di questa XVII edizione ci saranno sette anteprime mondiali, docu-film in esclusiva selezionati alla Mostra del Cinema di Venezia, star internazionali da Alain Delon a Jacques Perrin, famosi attori italiani come Alessio Boni, che aprirà la kermesse il 28 settembre con il film evento Sinestesia. E poi Laura Morante che riceverà il premio Pia de' Tolomei in collaborazione con Antigone Donne, andato negli anni passati anche a Susan Sarandon, come ha ricordato l’ideatrice e fondatrice del Festival Maria Pia Corbelli.

Il 2013 segna anche il ritorno di cortometraggi e webserie, dedicati a tematiche sociali e universali come l'infanzia violata, la difesa dell'ambiente, i diritti umani e la pace. Un concorso ad hoc, per il direttore artistico Alessandro Giuggioli, capace ad esempio di raccontare il talento artistico di un giovane senese che ha girato un film – rigorosamente in Toscana – con soli 20mila euro.

Sull’importanza di riportare il cinema sul territorio si è soffermato anche il sindaco di Castelnuovo Berardenga Roberto Bozzi, ricordando il rapporto che ha sempre legato il suo paese all’arte cinematografica e che quest’anno fa da location al Festival, insieme alla città di Siena. I riflettori renderanno onore a Valerio Zurlini. La scelta di rendere omaggio al regista, che non fu solo autore di capolavori del cinema, ma anche critico d’arte e intellettuale, è nata per poter far conoscere anche alle giovani generazioni un artista a tutto campo. Un ricordo che spazierà dal film restaurato "La prima notte di quiete" ad una mostra di opere inedite e di manoscritti e immagini appartenenti alla sua vita privata.

L’appuntamento con l’edizione 2013 – dal 28 settembre e al 3 ottobre – chiama a raccolta il pubblico: non sarà Cannes o Berlino ma è un Festival internazionale di qualità, che parla toscano e racconta il grande cinema.

(Regione Toscana, comunicato stampa 20 settembre 2013, n. 902)


Web Soft