Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Fondazione MPS: la collezione d'arte

La Collezione Opere d’Arte della Fondazione MPS è un progetto avviato nel 2004 con l'obiettivo di riportare in città opere e manufatti significativi per il panorama storico e artistico del territorio senese andati dispersi nel corso dei secoli.

Per l'iniziativa la Fondazione ha istituito un’apposita commissione opere d’arte composta da specialistici del settore i quali hanno focalizzato il proprio lavoro su due obiettivi prioritari: la creazione di una raccolta di capolavori riconducibili alla scuola senese dal XIII al XVIII secolo e l’acquisizione di una raccolta di opere a testimonianza della ricchezza e produzione culturale nel Senese dal XIX alla prima metà del XX secolo.

Ad oggi sono circa 60 le opere che compongono la collezione, tra cui il Reliquiario Madonna col Bambino dell'artista senese Francesco di Vannuccio che è stata acquistata nel 2010 ad un'asta Sotheby's (New York) per l'importante cifra di 1.022.500 dollari (raffigurante la Madonna con Bambino con alla base un Cristo tra la Vergine e San Giovanni Evangelista), alcune opere di Marco Pino (il meraviglioso dipinto Selene e Endimione), la Madonna col Bambino del pittore senese Segna di Bonaventura, un capolavoro del primo Trecento che ha girato le collezioni private di tutto il mondo prima di essere riportata a Siena.

Poi due oli su tela, La Pia dei Tolomei e La Maddalena sul Calvario entrambi di Arturo Viligiardi, e ancora la Natività di Pietro di Francesco Orioli, la Sacra Famiglia di Andrea Piccinelli detto il Brescianino, Il matrimonio mistico di Santa Caterina da Siena e il Compianto sul Cristo deposto di Francesco Vanni, la Santa Maria Maddalena assorta in letture di Rutilio Manetti.

(ToscanaGo, 12 aprile 2013. Guarda la Collezione Opere d’Arte completa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti