Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Che direzione ha preso il Consorzio del Brunello di Montalcino?

Brunello di MontalcinoPatrizio Cencioni è il nuovo presidente del Consorzio. Cencioni, 60 anni, alla guida dell’azienda Capanna, era vicepresidente durante il mandato di Fabrizio Bindocci ed aveva già ricoperto la carica di presidente in passato, per un breve periodo nel 2008, momento particolarmente delicato per il Consorzio a causa dello scandalo che travolse il Brunello.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Riguardo al nuovo corso del Consorzio del Brunello avevamo già avuto delle anticipazioni dal nuovo Direttore Giacomo Pondini, nominato a gennaio dopo l’esperienza nel Consorzio del Morellino: la promozione del territorio e della denominazione è certamente il primo e principale compito. La fama che questo vino ha ormai da decenni nel mondo non è oggi condizione sufficiente per garantirne il successo e la tutela, è dunque importante riuscire a capire quale sia l’interesse dei nuovi consumatori e di un mercato in continua evoluzione per promuovere il Brunello nel modo migliore possibile.

Proprio per questo la notizia del nuovo CdA decisamente “più giovane” rispetto agli anni passati è stata accolta dal direttore con entusiasmo. Da pochissime settimane infatti c’è stato il rinnovo dei Consiglieri e di fianco ai produttori più conosciuti e presenti nel territorio come Emilia Nardi delle Tenute Silvio Nardi e Stefano Cinelli Colombini dei Barbi, aziende associate al Movimento Turismo del Vino Toscana, si sono affacciate le nuove generazioni, giovani con un approccio più fresco e innovativo ma, a differenza del passato, con esperienza e ottima conoscenza dei mercati internazionali che, sono tutti convinti, sapranno dare un contributo concreto e nuova linfa.

Dovendo rappresentare un'unica voce tra gli oltre 200 produttori, con idee ed approcci diversi dalla produzione del vino alla promozione, il Consorzio ha capito da tempo che una comunicazione più diretta possibile verso i soci e il mondo esterno è fondamentale così, seguendo la linea tracciata dal vecchio Consiglio, si sta impegnando per promuovere il Brunello “da casa” invitando operatori internazionali e giornalisti a vedere con i propri occhi Montalcino e vivere la sua realtà stando a contatto con i produttori stessi…un sforzo di incoming notevole che però non ha prezzo! Si capisce quanto vino e territorio siano legati, l’uno non va avanti senza l’altro e il progetto di mappatura interattiva di tutta la zona ne è testimonianza.

Buon lavoro al nuovo direttore, al nuovo CdA e al nuovo Presidente.

Vuoi visitare le cantine del Brunello associate a Mtv? Visita la sezione itinerari di MTV Toscana.

(MTV Toscana, comunicato stampa)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti