Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Giro d’Italia 2016 tra i vigneti con la Chianti Classico Stage

Giro d’Italia 2016La 9° tappa del Giro d’Italia 2016 si deciderà tra i vigneti del Chianti Classico da Radda a Greve in una cronometro mozzafiato.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Si chiamerà “Chianti Classico Stage” e si svolgerà domenica 15 maggio: è la 9° tappa del Giro d’Italia 2016, la cronometro individuale da Radda in Chianti a Greve in Chianti, di 40,4 Km, nella splendida cornice del magnifico territorio toscano dai cui vigneti nasce uno dei vini più conosciuti ed apprezzati al mondo. L’edizione n. 99 del Giro d’Italia, organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, partirà da Apeldoorn, nei Paesi Bassi, il 6 maggio, per concludersi a Torino, dopo 3.383 Km divisi in 21 tappe, il 29 maggio. La presentazione ufficiale della tappa n. 9 del Giro d’Italia, la “Chianti Classico Stage”, il 12 maggio a Firenze, con l’assessore all’Agricoltura della Toscana, Marco Remaschi, il presidente del Consorzio Chianti Classico Sergio Zingarelli, ed i sindaci di Radda in Chianti e Greve in Chianti, Paolo Mugnaini e Paolo Sottani.

CHIANTI CLASSICO STAGE - IL PERCORSO

La “Chianti Classico Stage” sarà una cronometro mozzafiato, una delle tappe chiave del Giro 2016, sicuramente decisiva nella selezione dei “papabili” vincitori della Maglia Rosa. La sua caratteristica principale è l’assenza di tratti pianeggianti, un continuo succedersi di saliscendi in mezzo ai vigneti del Gallo Nero. I ciclisti impegnati in uno sforzo di quasi circa 50 minuti dovranno affrontare tratti in salita, anche di pendenza elevata, e discese in cui occorrerà spingere sui pedali soprattutto nel finale di tappa. La tappa si snoderà nel territorio tra le province di Firenze e Siena: si parte da Radda in Chianti e si toccano i luoghi chiave del Consorzio Chianti Classico come Castellina in Chianti (dove si sfiora il centro medievale ed è posto un rilevamento cronometrico), la Madonna di Pietracupa, Sicelle, Panzano in Chianti con una salita davvero impegnativa ed infine Greve in Chianti, nella cui piazza Matteotti, è posto l’arrivo della cronometro. Ma attenzione all’insidioso finale: nel centro storico di Greve in Chianti una insidiosa curva ad U (quasi a 360°) sarà a soli 300 metri dal traguardo.

LE DICHIARAZIONI

Il Presidente del Consorzio Chianti Classico, Sergio Zingarelli, ha dichiarato: “È un grandissimo piacere poter festeggiare il trecentesimo anno del Vino Chianti Classico ospitando nel nostro territorio un evento internazionale così importante. Il ciclismo è una delle attività che il Chianti Classico ha, da qualche anno, scelto per valorizzare lo stretto legame fra sport, salute ed il Gallo Nero: un territorio da “vivere” con radici profonde e un patrimonio inestimabile di storia, arte, cultura ed enogastronomia”. Per Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia: “Questa sarà una delle tappe più spettacolari del Giro 2016 sia dal punto di vista tecnico-sportivo sia da quello paesaggistico. Una cronometro individuale di 40 chilometri, senza un metro di pianura e quasi a metà corsa, delineerà i favoriti per la vittoria finale. Inoltre vorrei sottolineare lo scenario che proporremo al Mondo attraverso immagini televisive uniche, come unico è il territorio del Gallo Nero che ospita questa splendida tappa”. In chiusura di presentazione è intervenuto il Vice Direttore de La Gazzetta dello Sport, Pier Bergonzi: “Il Giro d’Italia, La Gazzetta dello Sport e tutte le eccellenze che la Corsa Rosa mostra al mondo sono patrimoni riconosciuti universalmente e che la Gazzetta racconta con dovizia di particolari da oltre 100 anni. Questa tappa, che abbiamo presentato oggi, rispecchia il canovaccio classico e inscindibile che lega da sempre il ciclismo, il suo territorio e le eccellenze italiane come, in questo caso, il Vino Chianti Classico”.

(Movimento Turismo del Vino Regione Toscana, comunicato stampa)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti