Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Vino fra Mito e Storia

Mostra itinerario dal 24 novembre 2012 al 5 maggio 2013

Un viaggio alla scoperta delle radici della cultura del vino nelle terre di Siena, conosciute in tutto il mondo per le eccellenze enologiche e il legame autentico con la coltura della vite e la produzione vitivinicola. E’ la mostra diffusa “Vino fra mito e storia”, promossa da Provincia di Siena e Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, visitabile fino al 5 maggio 2013.

Nel cuore vitivinicolo delle terre di Siena. La mostra, un itinerario nell’antichità attorno alla vite e al vino, è organizzata come evento diffuso: il nucleo principale è a Siena, nella sede di Enoteca Italiana, dove sarà allestito un percorso espositivo sulla storia del vino. Sempre nella città del Palio, nei suggestivi ambienti del Santa Maria della Scala, è in mostra un oggetto unico, il cinerario di Montescudaio. I cinque territori maggiormente rappresentativi dell’eccellenza vitivinicola delle terre di Siena ospitano le mostre collaterali, integrate nelle collezioni permanenti dei musei: Castellina in Chianti, nel Museo Archeologico del Chianti Senese; Castelnuovo Berardenga, nel Museo del Paesaggio; Montalcino, nel Museo Civico e Diocesano; Montepulciano, nel Museo Civico Pinacoteca Crociani e San Gimignano, nel Museo Archeologico e Spezieria di Santa Fina.
 
In mostra l’evolversi della cultura del vino. In luoghi indissolubilmente legati al mondo vitivinicolo, i visitatori saranno guidati a ripercorre, attraverso le testimonianza archeologiche, le tappe fondamentali dell’evolversi della cultura del vino in tutto il bacino del Mediterraneo e, in particolar modo, sul territorio toscano e su quello della provincia di Siena, dove si producono eccellenze enologiche tra le più qualificate e note nel mondo. Tappe di un lungo viaggio che, partito più di cinquemila anni fa nel vicino Oriente, passando per i Greci, i Romani e gli Etruschi, arriva fino all’Italia medievale e moderna. Numerosi oggetti in mostra ne portano testimonianza: vasi e utensili in bronzo, ma anche urne dove i defunti sono raffigurati sdraiati a banchetto e, per i visitatori più curiosi, la ricostruzione di un triclinum romano, completo di tutti gli arredi. Nella mostra - curata da Giuseppina Carlotta Cianferoni, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Firenze - sarà esposta per la prima volta anche una parte di un corredo funebre rinvenuto nella necropoli di Bosco Le Pici, a Castelnuovo Berardenga.

Castellina in Chianti

Il consumo del vino e l’iconografia di Dioniso e del suo seguito di satiri e menadi saranno rappresentati da una serie di oggetti che “dialogheranno” con i reperti già esposti al museo e in particolare con l’anfora proveniente dalla Necropoli del Poggino di Fonterutoli con la rappresentazione di un banchetto, allietato da musici che si svolge sotto un pergolato carico di uva.
Museo Archeologico del Chianti Senese
Piazza del Comune, 17/18
53011 Castellina in Chianti
Tel. 0577/742090
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Castelnuovo Berardenga

Nel Museo del Paesaggio sarà esposta per la prima volta una parte di un corredo rinvenuto nella necropoli di Bosco le Pici. Il banchetto e il simposio sono qui rappresentati da una serie di oggetti legati al consumo del vino.
La rappresentazione del banchetto funebre che veniva ricreata nei corredi che accompagnavano il defunto nell’estremo viaggio costituisce una testimonianza preziosissima per poter capire come, nella vita quotidiana, doveva svolgersi il banchetto.
Museo del Paesaggio
Via Chianti, 61
53019 Castelnuovo Berardenga
Tel. 0577/351337
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Montalcino

Un corredo in bucchero, un cratere a colonnette a figure nere, un’anfora con satiri e menadi e un’antefissa con satiro illustreranno il banchetto e i personaggi che accompagnavano Dioniso nelle rappresentazioni dei miti legati alla storia del vino.
Museo Civico e Diocesano d’Arte Sacra e Raccolta Archeologica
Via Ricasoli, 31 - 53024 - Montalcino
Tel. 0577/846014 - 0577/849331

Montepulciano

I reperti recuperati del relitto del Polluce, al largo dell’Isola d’Elba, parlano di una storia più recente, ma non meno affascinante: oggetti di uso quotidiano e parti del corredo della tavola, raccontano la vita a bordo di un piroscafo del XIX secolo.
Museo Civico Pinacoteca Crociani
Palazzo Neri Orselli
Via Ricci, 10 - 53045 Montepulciano
Tel. 0578/717300

San Gimignano

Il vino nell’Italia medievale e moderna è il tema proposto al museo di San Gimignano: i reperti della San Gimignano medievale dialogheranno con boccali in maiolica arcaica (XIII-XIV secolo), in maiolica rinascimentale, in maiolica policroma (post XV secolo), provenienti dagli scavi del centro di Firenze.
Museo Archeologico e Spezieria di Santa Fina
Via Folgore, 11
53037 San Gimignano
Tel.: 0577/940348
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fondazione Musei Senesi, comunicato stampa 24 novembre 2012)

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Pubblica la tua foto su ToscanaGo

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Forum


Il forum gratuito di ToscanaGo
(accedi con password di registrazione al sito)

Fondazione Musei Senesi: il Chianti