Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Beerbone: nasce a Siena la birra che fa bene alle ossa

birraStudio dell'Università di Siena sugli effetti del silicio della birra della Val d'Orcia per il trattamento dell'osteoporosi e dell'osteoartrosi. Il progetto è coordinato dalla professoressa Annalisa Santucci del dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia dell'Ateneo senese che spiega: "La birra è l'alimento che maggiormente contribuisce nella dieta all'assunzione del silicio, essenziale per il metabolismo del tessuto connettivo ed osseo".

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Esiste o può esistere una birra che fa bene alle ossa e alle articolazioni? E’ a questo particolare interrogativo che cerca di dare risposta il progetto Beerbone dell’Università di Siena, recentemente risultato tra i vincitori del Bando regionale sulla nutraceutica che andranno ad Expo 2015.

Il progetto, che studierà gli effetti del silicio della birra della Val d'Orcia per il trattamento dell’osteoporosi e dell’osteoartrosi, è coordinato dalla professoressa Annalisa Santucci del dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia dell’Ateneo senese.

“Il silicio – spiega la professoressa Santucci - autorizzato come integratore alimentare, è essenziale per il metabolismo del tessuto connettivo ed osseo. Inoltre la birra è, in assoluto, l’alimento che maggiormente contribuisce all’assunzione del silicio nella dieta, in quanto principale fonte di acido ortosilicico, la forma prontamente biodisponibile e bioassorbibile a livello gastro-intestinale”.

Partendo da una biobanca cellulare esclusiva, il gruppo di ricerca andrà a valutare su modelli cellulari umani gli effetti benefici del silicio contenuto nelle birre prodotte dal Birrificio San Quirico, partner del progetto, per capire qual è l’azione del minerale contenuto nella birra sulle cellule umane osteoarticolari e come cambia il repertorio proteico.

Inoltre, non essendo la quantità di silicio uguale in tutte le birre, l’obiettivo finale del progetto sarà determinare la dose ottimale di acido ortosilicico con cui addizionare la bevanda affinché risulti efficace nel trattamento e nella prevenzione delle patologie osteoarticolari. “Lavorando su cellule umane non trasformate – conclude la professoressa Santucci - se da questo progetto uscissero risultati positivi, potremmo andare rapidamente a condurre dei trial sui pazienti. Beerbone potrebbe proporsi come progetto pilota garantendo delle ricadute concrete sia a livello scientifico, che economico e industriale”.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 60.000 euro dalla Regione Toscana. Partner, insieme al birrificio San Quirico, ISVEA srl, Istituto per lo sviluppo viticolo, enologico ed agroindustriale di Poggibonsi.

(Università degli Studi di Siena, comunicato stampa 8 maggio 2015)

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti