Contenuto Principale

Ferie delle Messi 2015: la festa medievale a San Gimignano

Ferie delle MessiDal 19 al 21 giugno la rievocazione che trae origine dalle Ferie Messium con le quali venivano festeggiati i raccolti abbondanti: musica, esibizioni degli sbandieratori, coreografie dell'ensemble Medioevo in Danza e dimostrazioni di falconeria a cura dell'Antica Falconeria Toscana.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’Associazione ‘Cavalieri di Santa Fina’, il cui nome onora Fina dei Ciardi, la giovinetta morta in odore di santità il 12 marzo 1253 e diventata compatrona di San Gimignano, è sorta nel 1993 con l’intento di offrire ai visitatori ricostruzioni di vicende legate alla storia medievale della città.

Il Medioevo rivive a San Gimignano con la Ferie delle Messi, una superba rievocazione per la sfarzosità degli abiti, per la ricchezza degli spettacoli e per il vivente spirito medievale. Le ‘Ferie delle Messi’ traggono origine dalle Ferie Messium, stabilite con rubriche statutarie dal titolo De Ferriis Ponendis del 1255, con le quali si festeggiavano gli abbondanti raccolti.

I Cavalieri di Santa Fina vi intratterranno con la musica dei Tamburi e delle Chiarine, le esibizioni degli sbandieratori, le coreografie dell’ensemble Medioevo in Danza e le dimostrazioni e la didattica di falconeria a cura dell’Antica Falconeria Toscana.

I popoli delle quattro Contrade della città, San Giovanni, Piazza, Castello e San Matteo, con le loro vesti superbe e variopinte, compongono la scenografia della festa e la animeranno con le gare di tiro alla fune tra gli uomini, la gara della treccia tra le fanciulle e la Giostra dei Bastoni. Un percorso emotivo di colori ed esibizioni che si susseguiranno dal venerdì pomeriggio e che giungeranno al massimo splendore la domenica pomeriggio con il Corteo delle Messi, composto da circa cinquecento figuranti che attraverseranno le vie della città e la Giostra dei Bastoni, gara a cavallo tra i campioni delle quattro Contrade, il cui scopo è di colpire un elmo con un bastone al termine del tracciato.

Il vincitore della competizione sarà premiato con la Spada d’Oro in Piazza del Duomo e, il Drappellone raffigurante la patrona Santa Fina. Il Drappellone è stato realizzato dall’artista milanese Toni Alfano, vincitore del concorso di realizzazione dello stesso, che ha coinvolto 20 artisti.

La cornice del suggestivo scenario medievale è completata dai mercatini a tema storico collocati in Piazza della Cisterna e in Piazza delle Erbe: in quest’ultima i visitatori potranno ammirare l’attività e l’arte degli artigiani del tempo, con fabbri, vasai, filatrici, conciatori, pellicciai, erboristi e calzolai a cura dell’associazione Antichi Mestieri di Medicina. Ospiti della manifestazione, la Fanfarenzug di Meersburg, città tedesca gemellata con San Gimignano, l’Antica Falconeria Toscana, l’associazione Antichi Mestieri di Medicina, la Compagnia Offerta dei Censi di Abbadia San Salvatore (SI), il gruppo Arteare, che realizzerà lo spettacolo del sabato sera cui è protagonista la vita di San Francesco, portando in scena il Cantico delle Creature.

La manifestazione Ferie delle Messi, ad ingresso libero, si svolgerà nei giorni 19, 20 e 21 giugno.

(I Cavalieri di Santa Fina, comunicato stampa 7 giugno 2015)

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti