Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Palio di Siena: le monete celebrative

Palio di Siena: le monete celebrativePer la prima volta nella sua secolare storia il Palio di Siena viene celebrato in una medaglia artistica. L’autore, Alberto Inglesi, senese doc e scultore tra i maggiori nel panorama nazionale, ha trasmesso con la sua creazione tutto l’amore ed il rispetto che nutre, da contradaiolo, verso la sua città e la giostra medioevale più rinomata al Mondo.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Quest’opera, prodotta dalla società AP Imprimatur, rappresenta la prima fase di un percorso che prevede la realizzazione di altre diciassette medaglie, una per ogni Contrada, create da alcune tra le maggiori personalità nel panorama artistico Senese. Questo per dare origine, al completamento del progetto, ad una serie unica e di straordinaria importanza, con alla base il fondamentale supporto e la garanzia del “Consorzio per la Tutela del Palio di Siena”.

Oro argento e bronzo diventeranno il veicolo attraverso cui l’immagine di Siena e del suo celebre Palio risplenderanno in tutta la loro storia secolare, valorizzati dalle formidabili doti artistiche dei Senesi che andranno, di qui ai prossimi anni, a realizzare le successive diciassette medaglie delle Contrade.

Tutte le medaglie, previste in tiratura limitata, unica ed irripetibile per la diffusione mondiale e numerate singolarmente, sono realizzate nello storico stabilimento Picchiani e Barlacchi di Firenze, già autore del distintivo per il “Premio Mangia”, delle monete de “Lo Scudo d’Oro del Sole” e della moneta “Giulio da 40 Quattrini”, oltre ai distintivi delle contrade, diventati con il tempo oggetti di culto e collezionismo. Ad ulteriore titolo di garanzia, i conii, a tiratura esaurita, verranno “segnati” e consegnati al Consorzio per la Tutela del Palio di Siena.

(AP Imprimatur, comunicato stampa 20 maggio 2015)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Terre di Siena

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Fondazione Musei Senesi: il Chianti