Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Unicorno: un esemplare è esistito davvero in Toscana

E' nato al Centro di Scienze Naturali di Prato nel giugno del 2007 da un esemplare maschio del centro e da una femmina salvata dopo un investimento d'auto avvenuto sull'Appennino.

Condividi

Foto: copyright CSN (immagini solo visualizzate ma "fisicamente" sul loro sito).

Il Centro di Scienze Naturali di Prato è una fondazione che si occupa di ricerche ed attività operative in difesa dell'ambiente e comprende anche un museo di scienze naturali ed un parco ambientale con animali in libertà. All'interno del parco di Galceti esiste un capriolo, un esemplare maschio, molto raro: un fenomeno di anomalia morfologica lo aveva reso praticamente unico al mondo, con un unico corno al centro della fronte al posto delle classiche corna biforcate.

Il capriolo unicorno è nato nel giugno 2007 da un esemplare maschio del centro e da una femmina salvata dopo un investimento d'auto avvenuto sull'Appennino. L'allora direttore del centro, Gilberto Tozzi, all'epoca disse: "E' la dimostrazione che il mitico unicorno celebrato in iconografie e leggende probabilmente non era solo oggetto di fantasia bensì un animale: capriolo, cervo, o altra specie, con un'anomalia morfologica analoga a quella del nostro capriolo. Il nostro capriolo forse è consapevole della sua diversità e non si lascia vedere facilmente."

L'unicorno, detto anche liocorno e leocorno, è un animale immaginario con il corpo di cavallo ed un unico corno avvolto a torciglione sulla fronte in mezzo alla fronte. Il nome deriva dal latino unicornis (un solo corno, appunto) e ad esso vengono attribuiti poteri magici. Il capriolo unicorno del Centro di Scienze Naturali, anche se privo ovviamente di superpoteri, ricordava il leggendario unicorno non solo per avere un unico corno frontale ma anche per gli zoccoli divisi, tipici dei caprioli, che sono proprio una delle caratteristiche che l'iconografia tradizionale attribuisce all'unicorno. Abbiamo usato il verbo al passato volutamente ma non perchè sia morto: i caprioli perdono e rimettono le corna ogni anno e adesso il capriolo (ex unicorno) ha due corna come tutti i suoi simili.

(ToscanaGo, 19 marzo 2013. Guarda la scheda ristoranti e hotel a Prato e dintorni provati da ToscanaGo)


Il capriolo unicorno nel parco del Centro di Scienze Naturali di Prato:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft