Contenuto Principale

Il ragazzo che visse nel lager

agazzo che visse nel lagerMartedì 29 gennaio 2019, alle 21.15, presso la Biblioteca comunale “Giuseppe Giusti” di Monsummano Terme, in occasione del Giorno della Memoria verrà presentato il libro “Il ragazzo che visse nel lager. Le stagioni di Sulfur” di Renato Pesce, a cura di Giampiero Giampieri.

Immagine tratta dalla copertina.

  • Leggi il programma delle serate Non solo libri... organizzate dal Comune di Monsummano Terme.

Renato Pesce è nato il 14 maggio 1927 a Novi Ligure, in provincia di Alessandria, e nel 1944 p stato deportato in Germania dove venne internato in un lager. Oggi vive a Monsummano Terme (Pistoia).

”Ho deciso ora, che ho compiuto 91 anni, di narrare quel breve periodo della vita, vissuto quando avevo da poco compiuto 17 anni. Inizia nel luglio del 1944, quando la guerra stava sconvolgendo la situazione mondiale. Allora la mia famiglia era composta dalla madre Matilde, dal padre Giovanni Battista e dalle tre sorelle, Viviana di anni 19, Maura di anni 15 ed Anna di anni 12. Eravamo molto uniti. Il nostro trasferimento a Bagnasco(Cuneo), nella casa dei nonni, pensavamo ci riparasse dai pericoli della guerra. La Liguria, “La Grande Genova”, dove abitavamo, era frequente bersaglio dei bombardamenti aerei anglo-americani. La guerra, purtroppo, ci seguì. Ero giovane e l’esperienza acquisita in condizioni di disagio e sofferenza mi fu molto utile nella formazione del carattere: osservai il mondo con occhio diverso, più umano.Conobbi un popolo che, nel bene e nel male, non era diverso dagli altri popoli; era vittima dell’arroganza di una classe avida e crudele. Dopo il conflitto, gli interessi mediatici, hanno diffuso una immagine delle vicende che riguardano questo popolo diverse dalla realtà. Ora la mia famiglia ha minori dimensioni, mancano entrambi i genitori e la sorella Viviana. Sono trascorsi da allora 74 anni e, poiché conservo ancora una buona memoria dei fatti accaduti, intendo narrarli e dedicare il mio ricordo ai parenti e soprattutto, al caro e unico nipote Lorenzo.”

(ToscanaGo, 17 gennaio 2019)

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Comune di Pistoia

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU