Contenuto Principale

Danni al vivaismo pistoiese: il presidente scrive al ministro

vivaismoUna lettera per chiedere aiuti concreti per il vivaismo pistoiese dopo l'uragano che ha messo in ginocchio il settore ad inizio marzo. E' quella che il presidente della Regione Toscana ha scritto al ministro dell'agricoltura e foreste, sottolineando come, nonostante i danni per complessivi 140 milioni di euro non superino la soglia dei 200 che avrebbe permesso di attivare gli aiuti di Stato perchè superiori al 30% della produzione lorda vendibile, al momento le imprese danneggiate non possono ricevere un aiuto proporzionato, indispensabile per proseguire la loro attività.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nonostante i danni siano sotto soglia, spiega il presidente, l'uragano non si è abbattuto in maniera uniforme sul territorio, tanto che ci sono aziende che hanno subito danni superiori al 50% della loro produzione lorda vendibile, mentre altre non ne hanno avuti. Di fronte a questa situazione la Regione chiede modifiche al decreto 102/2004 che, se attuate, produrrebbero un beneficio alle imprese danneggiate: in primo luogo di regolamentare i fondi di mutualità, con riferimento all'individuazione dei soggetti gestori (consorzi di difesa, cooperative e loro consorzi), poi regole sulla gestione del rischio con possibilità di coassicurazione e riassicurazione, regole e modalità di contribuzione pubblica sui fondi di mutualità e regole di controllo e individuazione degli organismi preposti. Poi al ministro viene chiesto di ripristinare la precedente norma nella quale si prevedeva l'esclusione dalla valutazione per danni solo delle produzioni assicurate, in luogo di quelle assicurabili. Infine è ritenuto necessario incrementare l'attuale livello di stanziamento dei fondi pubblici.

Per il presidente della Regione sarebbe, infine, auspicabile consentire alle imprese danneggiate una deroga relativa ai pagamenti e agli obblighi fiscali per mutui e oneri previdenziali. Il ministro dell'agricoltura era venuto a Firenze lo scorso 9 marzo, all'indomani dell'uragano, per un incontro con il presidente della Regione e i rappresentanti di categoria. In quell'occasione aveva promesso il suo impegno per dare risposte concrete ad uno dei principali settori produttivi toscani.

(Coldiretti Toscana, comunicato stampa 15 aprile 2015, n. 97)

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Comune di Pistoia

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU