Contenuto Principale

Giostra dell’Orso: la manifestazione, così, non continuerà

Le numerose, nuove garanzie introdotte non sono state sufficienti a garantire la sicurezza di cavalli e fantini. La manifestazione serale del giorno di San Jacopo, così non può dunque continuare. Occorre una riflessione seria e approfondita dell’intero consiglio comunale e di tutta la città. Fin da subito il sindaco indica però la necessità di non svolgere – intanto – mentre si svilupperà la discussione, l’edizione del prossimo anno. In aggiunta alla documentazione già in possesso dell’Amministrazione, il sindaco ha richiesto già ieri notte tutte le relazioni tecniche sulla pista, sulle visite ai cavalli e sui trattamenti veterinari eseguiti a seguito dei due infortuni, che ha consegnato questa mattina all’autorità giudiziaria.

La Giostra dell'Orso è una manifestazione organizzata dal Comitato cittadino Giostra dell’Orso secondo il disciplinare che ne regola i rapporti con l’Amministrazione. È nata nel 1947, ripresa nel 1975, dopo molti anni di interruzione, e da allora sviluppatasi fino ad oggi, con solo due pause nel 1986 e nel 1991. Quella di quest’anno era la quarantesima edizione. I gravissimi infortuni occorsi a due cavalli durante la Giostra dell'Orso di ieri sera hanno mostrato – purtroppo – come le molte, importanti, nuove garanzie introdotte per regolamentare la manifestazione per una maggiore tutela di cavalli e fantini non siano state sufficienti a garantire la sicurezza dei cavalli. Poiché questa Amministrazione ha sempre ribadito che l’elemento prioritario ed imprescindibile per la prosecuzione della Giostra non potesse che essere quello della sicurezza di uomini e animali, il sindaco ritine che non possa mai più essere corsa una Giostra dell’Orso con le modalità finora utilizzate.

La manifestazione serale del giorno di San Jacopo dovrà essere radicalmente ripensata e l’Amministrazione si dedicherà subito a questo lavoro, al quale dovrà essere dedicato tutto il tempo necessario. Per questo il sindaco ritiene che il prossimo anno non debba svolgersi la quarantunesima edizione della Giostra, il cui futuro, per il radicamento decennale che la manifestazione ha nella città, dovrà essere frutto di un indirizzo di tutto il consiglio comunale, elaborato in rapporto con una profonda discussione dell’intera città. Per questo motivo, stamattina il sindaco – dopo aver consegnato tutta la documentazione all’autorità giudiziaria - ha convocato la conferenza dei capigruppo, la quale ha condiviso l’utilità della proposta del sindaco di una convocazione congiunta, già a partire dalla prossima settimana, delle commissioni consiliari Ambiente-Tutela degli animali e Cultura, all’interno delle quali avviare una discussione seria e ponderata intorno alle prospettive della Giostra.

Già ieri notte, il sindaco ha acquisito le relazioni tecniche richieste al veterinario della commissione Fitetrec-Ante, relative alle visite ai cavalli per certificarne l'idoneità a correre la Giostra, ai rilievi evidenziati durante lo svolgimento delle prove e della manifestazione, alla dinamica degli incidenti e ai successivi interventi veterinari, e quella richiesta al competente tecnico Fitetrec-Ante relativa all'agibilità, già rilasciata, del manto della pista. L'Amministrazione ha disposto inoltre che i test veterinari, compresi i prelievi del sangue, effettuati prima e dopo la Giostra, fossero immediatamente consegnati al funzionario dell'Asl di servizio per la manifestazione. Stamattina tutta la documentazione è stata consegnata dal sindaco all'autorità giudiziaria.

Regole più stringenti.

La documentazione in possesso dell’Amministrazione al momento dell’avvio della Giostra era composta dal verbale di omologazione della pista, dal documento di idoneità dei cavalli consegnato al Comitato Cittadino ed esaminato in sede di commissione pubblico spettacolo, entrambi rilasciati da Coni-Fitetrec e dal verbale di verifica dell’agibilità degli allestimenti della piazza.

Da quest’anno la Giostra dell'Orso è a tutti gli effetti, per volontà dell’Amministrazione, una manifestazione sportiva riconosciuta dal Coni, il quale ha avuto il compito di effettuare tutti i controlli sul regolare svolgimento della gara e sulla salute dei cavalli. Gli esami e le visite sono state effettuate da personale incaricato dal Coni. È stato applicato per la prima volta nel 2012 il regolamento per la sicurezza dei cavalli, redatto insieme alle associazioni animaliste e alla Asl, che ha previsto l’istituzione di una commissione medico-veterinaria esterna al Comitato della Giostra, l’obbligo per i rioni di presentare le radiografie degli arti anteriori dei cavalli, la riduzione del numero delle tornate e ha definito anche la circonferenza del terzo metacarpo dei cavalli che non può più essere inferiore ai 18 centimetri.

Il Comitato Cittadino, che si è dotato di un proprio regolamento per lo svolgimento della manifestazione, si impegna al pieno rispetto di questo Regolamento. Quest’ultimo, approvato all’unanimità dai 4 Rioni cittadini e, successivamente dalla Giunta Comunale, è stato ulteriormente integrato nel 2013 con una formula per cui, a partire dal 2014, tutti i cavalli che prendono parte alla manifestazione devono essere in possesso di un identificatore elettronico sottocutaneo conforme alle norme vigenti.

Gli incidenti

Al primo cavallo infortunato, Oracle force del Rione del Grifone, il veterinario della commissione Fitetrec- Ante ha constatato la frattura esposta della prima falange, trauma che lo ha indotto ad effettuare al cavallo un’anestesia generale e ad eseguirne la soppressione per motivi compassionevoli. Il secondo cavallo, Golden Storming del Rione del Drago, ha presentato una frattura epifisaria esposta del radio. La commissione veterinaria, che ha potuto curarsi dell’animale solamente dopo aver terminato le operazioni sul primo cavallo infortunato a causa del mancato arresto della competizione da parte della giuria, ha effettuato anche su questo la soppressione in anestesia generale per motivi compassionevoli. Ad entrambi i cavalli sono stati eseguiti, anche dopo il decesso, i prelievi ematici, già consegnati su richiesta del sindaco al funzionario pubblico della Asl di servizio ieri notte per la manifestazione. Nella nottata di ieri è stato inoltre disposto il sequestro dei due animali, attualmente conservati in una cella frigorifera a disposizione del magistrato che potrà disporne l’autopsia.

Gli esami sui cavalli

Il veterinario della commissione Fitetrec- Ante ha eseguito una prima visita ai cavalli presentati dai rioni lo scorso 7 giugno. La visita prevedeva un’indagine radiologica degli arti anteriori, esami in stazione, valutazione dell’andatura al trotto, test di flessione a tutti gli arti, valutazione cardiologica, polmonare e delle mucose apparenti. Il 12 luglio è stato effettuato un nuovo controllo sui cavalli per accertarne lo stato di salute (esami in stazione, valutazione dell’andatura al trotto, test di flessione a tutti gli arti, valutazione cardiologica, polmonare e delle mucose apparenti, prelievo ematico con stoccaggio del siero). Prima della competizione, il 24 luglio, ovvero il giorno dopo le prove ufficiali, sono state effettuate ulteriori visite (valutazione cardiologica, polmonare e delle mucose apparenti e stato generale, esame in stazione, valutazione dell’andatura al trotto). Tutte le visite sono state effettuate alla presenza dei veterinari rionali e di un delegato Enpa. L’idoneità dei cavalli è stata documentata da Fitetrec-Toscana e consegnata al presidente del Comitato Cittadino.

La pista

I lavori di allestimento della pista sono terminati nei tempi previsti dal cronoprogramma, domenica 20 luglio alle ore 13.00, così da permettere, esattamente come ogni anno, tutte le fasi preparatorie alla manifestazione. Il 22 luglio il referente Fitetrec-ante ha partecipato alla commissione pubblico spettacolo in qualità di tecnico competente per l’agibilità del manto della pista, che ha rilasciato il giorno successivo. Il 25 luglio ha poi nuovamente proceduto ad eseguire prove di verifica dello spessore e della consistenza della terra, rilasciando l’omologazione del manto della pista. La sera della gara ha inoltre constatato che ad ogni tornata gli addetti rastrellavano, sistemavano e spianavano il manto della pista e che ogni tre tornate faceva ingresso sul terreno un trattore con a traino un erpice a denti necessario alla spianatura del manto. Oggi sono stati prelevati quattro campioni di terra dalla pista affinché possano essere resi eventualmente disponibili per ulteriori analisi.

(Comune di Pistoia, comunicato stampa 26 luglio 2014, n. 442)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Comune di Pistoia

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU