Contenuto Principale

Pinocchio: riportiamo il burattino in Italia

Andrea Balestri lancia la petizione per ricomprare l'unico originale meccanico rimasto, venduto dal pittore Oscar Tirelli ad un imprenditore francese.

Nella foto: Nino Manfredi (1).

Condividi

Riportare in patria il burattino originale usato nel film Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini: è questa l'idea che è venuta ad Andrea Balestri, nato a Pisa nel 1963, l'attore italiano che nel lontano 1972 interpretò la parte del burattino che si tramuta in bambino in carne ed ossa nello sceneggiato televisivo Le avventure di Pinocchio prodotto dalla Rai al fianco di attori professionisti del calibro di Nino Manfredi (Geppetto), Franco Franchi e Ciccio Ingrassia (il gatto e la volpe), Gina Lollobrigida, Ugo D'Alessio, Vittorio De Sica. cantastorie e piccole rappresentazioni.

Il burattino è una vera e propria opera d'arte, ideata da Oscar Tirelli e realizzata, per la parte meccanica, da un equipe di tecnici dell'officina Latina Sud (specializzata in apparecchiature aeronautiche di altissima precisione) in circa 6 mesi di lavoro dedicato a studio e progettazione per un risultato finale che si riassume in 1 metro e venti di altezza, 30 fili di acciaio di 240 metri, 210 pezzi meccanici tra cui pulegge, leve, staffe, tiranti, bielle, molle di richiamo e un telaio di ottone (schema meccanico del burattino).

In questi giorni Andrea Balestri ha lanciato la petizione online per convincere la Cassa di Risparmio di Pistoia e Lucchesia a ricomprare il burattino, l'unico originale rimasto tra quelli prodotti per la realizzazione del film, e riportarlo in Italia: vi invitiamo anche noi a firmarla numerosi perchè si tratta comunque di un pezzo della storia cinematografica del nostro paese.

Abbiamo rivolto ad Andrea Balestri alcune domande per capire meglio il suo rapporto con Pinocchio e l'idea che ha avuto per provare a riportarlo in Italia.

Andrea, immaginiamo che per un bambino stare sul set di un film, e recitare addirittura la parte di Pinocchio in una favola così bella, sia stato emozionante. Che ricordi hai di quei giorni? Come ti sentivi sul set?

Ho dei bellissimi ricordi più che altro legati alla mia infanzia: io ero un bambino e ho preso in maniera inizialmente giocosa questa esperienza. Poi mano a mano che giravamo le scene diventavo più consapevole di quello che stavo facendo, rendendomi conto che stavo lavorando anche io come tutti gli altri, ma rimanevo pur sempre un bambino e il venerdì, finita la settimana di riprese, non vedevo l'ora di ritornare a Pisa dai miei fratelli, dalle mie sorelle e da mia mamma, ed ero ansioso di tornare a giocare nel cortile di casa con i miei amici.

Com'è stato il rapporto con il regista e con gli altri attori?

Sono stato fortunato perchè il regista, Luigi Comencini, mi ha messo fin da subito a mio agio: avevo un carattere molto socievole per cui non ho fatto fatica a legare con la troupe e con gli altri attori del film che mi hanno sempre trattato con dolcezza.

In che modo hai saputo che il burattino è stato venduto ad un imprenditore francese?

Me lo ha detto la stessa persona che lo ha venduto per avvertirmi che non era più in Italia.

Come e perchè hai avuto l'idea della petizione online?

Dopo il mio appello lanciato un mese fa ai giornali, il sito www.change.org si è reso disponibile ad aiutarmi ad organizzare la petizione online: la voglia di rivedere il burattino in Italia è troppa, secondo me il burattino è di dominio pubblico e il suo valore è incalcolabile e per questo deve rimanere alla portata di tutti, del pubblico che da 40 anni gli vuole un gran bene.

(ToscanaGo, 30 gennaio 2013)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

(1) L'immagine è un fotogramma del film Le Avventure di Pinocchio prodotto in Italia nel 1972. Secondo gli articoli 87 e 92 della legge 22 aprile 1941, n. 633 sul diritto d'autore i fotogrammi delle pellicole cinematografiche divengono di pubblico dominio a partire dall'inizio dell'anno solare seguente al compimento del ventesimo anno dalla data di trasmissione al pubblico della pellicola stessa.


La parte del film in cui Geppetto costruisce Pinocchio e il burattino comincia a muoversi:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nei video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Provincia di Pisa

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU