Contenuto Principale

Mazzanti: la supercar toscana alla corte del principe di Monaco

Mazzanti Evantra al Top Marques 2015Il costruttore artigianale, alla sua quinta presenza al Top Marques, incanta i visitatori con la nuova livrea dell'Evantra bianco Dolomia, omaggio alla Toscana e al marmo pregiato di Carrara. La potenza è stata aumentata da 701 a 751 cavalli, come indicato anche dalla targa "di scena" montata al salone.

L'avevamo lasciata nera, la ritroviamo bianca. E che bianco: la livrea presentata da Mazzanti al Top Marques del Principato di Monaco (16-19 aprile 2015) è un inchino alla Toscana più pregiata, quella del marmo delle Alpi Apuane: il bianco Dolomia (dolomia è una roccia sedimentaria carbonatica tipica delle Alpi Apuane) è un colore che esalta in maniera assoluta le linee sinuose e morbide dell'Evantra, tirando fuori dettagli inaspettati che l'iniziale colore scuro usato in fase di sviluppo della vettura aveva tenuto nascosti.

A differenza di tutti gli altri colori "bianco" che vanno ultimamente di moda nel settore automotive, il Dolomia stupisce davvero: sotto i raggi del sole riflette venature inaspettate che richiamano quelle del marmo bianco di Massa Carrara, affascinando gli occhi di chi la guarda.

Entrando al Top Marques quest'anno c'era poco da fare: tante supercar dalle linee molto simili, con colori sfavillanti (com'è forse giusto che sia nel regno delle esagerazioni che da sempre è Montecarlo) che sono un pugno nell'occhio, che attirano stordendoti... e poi lei, proprio in mezzo al salone principale, con quel suo colore all'apparenza delicato e neutro ma che appena ti avvicini ti cattura ipnotizzandoti.

Avevamo visto l'Evantra sia azzurra che nera ma questa è decisamente tutta un'altra cosa: il top del top. Le auto bianche, utilitarie o supercar che siano, non ci hanno onestamente mai appassionato. La supercar di casa Mazzanti è però qualcosa di diverso e di inconfondibile: perchè non è bianca... è Dolomia, e se non la vedi dal vivo non puoi apprezzare fino in fondo le emozioni che quel colore riesce a trasmettere a chi vi posa sopra lo sguardo.

Il tocco di classe finale, poi, sono gli interni: pelle color tabacco trattata all'anilina, in modo da darle una lucentezza ed una morbidezza uniche ma anche altrettanto delicata, un colore davvero signorile ripreso anche nel resto della tappezzeria e che ammicca sensualmente alle pinze dei freni di una tonalità molto simile: o pensavate che Mazzanti avesse potuto scegliere colori banali come il rosso o il giallo, per le pinze? La supercar spicca tra le supercar per i suoi dettagli inimitabili.

Guarda il fotoreportage di ToscanaGo.

(ToscanaGo, 19 aprile 2015)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nei video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Provincia di Pisa

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU