Contenuto Principale

Pisa: azienda agricola regala un ettaro per agricoltura sociale

Un'interessante opportunità di lavoro offerta da Gabriele Stefanucci, imprenditore cerealicolo di Volterra, a 15 ragazzi della Val di Cecina. I prodotti raccolti dai protagonisti del progetto, compresi tra un'età di 20 e 40 anni, sono già in vendita all'Emporio del Gusto di Volterra.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Carciofi, cipolle e cavoli che finiscono sulle nostre tavole, il lavoro quotidiano con la sua fatica, le sue difficoltà maanche le sue soddisfazioni, ed il contatto diretto, vero, umano, con i clienti-consumatori possono essere un grande ed efficace strumento facilitare l’inserimento sociale. A non sentirsi diversi.

Non ci ha pensato due volte Gabriele Stefanucci, imprenditore cerealicolo di Volterra, oggi in pensione, ad affidare al progetto di agricoltura sociale promosso dalla Società della Salute un “pezzo” dei suoi terreni agricoli per consentire all’Asl 5 di Volterra e all’Associazione “Mondo Nuovo” di far nascere una nuova e particolare esperienza di lavoro collettivo che ha già iniziato a dare i suoi primi frutti. I prodotti raccolti dai 15 protagonisti del progetto, compresi tra un’età di 20 e 40 anni, sono già in vendita all’Emporio del Gusto di Volterra. Per Coldiretti Pisa (info su www.pisa.coldiretti.it e www.facebook.com/ColdirettiToscana) l’inserimento in attività rurali di persone con disabilità o soggetti con svantaggio esalta la versatilità e la capacità multifunzionale delle imprese agricole sempre più centrali nell’architettura sociale della comunità. “Un pezzo importante del futuro delle imprese agricole – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti - ruota attorno al principio della multifunzionalità che sul territorio, per ragioni collegate alla personale sensibilità degli imprenditori e agli ottimi progetti attivati da Provincia e da Regione Toscana, ha trovato una grande vocazione sociale; oggi un’azienda agricola non produce solo ortaggi e cibo, quel modello di azienda appartiene al passato; ma anche servizi”.

Nelle campagne pisane il “diverso” è “uguale” a tutti gli altri. “I ragazzi lavorano e sono felici. – racconta Ivano Fulceri dell’Ufficio Salute Mentale dell’Asl 5 di Volterra – il progetto, proprio grazie alla sua semplicità, li fa sentire utili ed importanti favorendo allo stesso tempo il contatto con il consumatore-finale. Non solo raccolgono, spesso capita che siano anche interlocutori della vendita. In questo modo il loro inserimento è spontaneo e più facile”. La concessione del piccolo ettaro, che per i ragazzi del progetto diventano una grande impresa di vita, rappresenta un primo passo anche per l’azienda di Stefanucci.

“Quei terreni, che io non riuscivo più a seguire con costanza, ora sono tornati importanti; hanno una funzione che va ben oltre lo scopo alimentare e la semplice produzione di orticoli. – racconta – E’ bello vedere quei ragazzi impegnarsi e lavorare duramente”. E tante e belle sono le esperienze disseminate nel pisano. Dall’azienda biologica Colombini che a Crespina, già dal 2001, è stata la prima ad inserire persone che vivono in condizioni di disagio all’interno del ciclo aziendale alla giovane esperienza di Jacopo Galliani che a San Miniato fa raccogliere le chiocciole ai persone con disabilità o svantaggio.

“Le campagne – conclude Aniello Ascolese, Direttore Provinciale Coldiretti - possono essere la migliore medicina per questi soggetti che finalmente tornano ad avere prospettive, a sentirsi di nuovo utili e necessari alla comunità. Tornano a vivere nelle nostre fattorie”.

(Coldiretti Toscana, comunicato stampa 8 gennaio 2015, n. 6)

Web Soft