Contenuto Principale

I dromedari di San Rossore

Il giorno della cerimonia ufficiale d’inaugurazione della Route Nazionale 2014 dell’AGESCI hanno fatto il loro ritorno nella Tenuta di San Rossore i primi tre dromedari del piccolo contingente che si ricostituirà al Parco, che oltre all’aspetto storico e culturale avrà anche la finalità di contribuire alle attività di ripristino ambientale e di educazione e fruizione sostenibile.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Il mondo scout, che ha d’altronde un pezzo della sua storia proprio nella ex tenuta presidenziale per la visita al Re che nel 1910 fecero i primissimi esploratori seguaci del movimento nato in Inghilterra, ha ritenuto di contribuire alla valorizzazione delle strategie del Parco, oltre che in termini di conservazione ambientale, anche dal punto di vista del recupero delle memorie dei secoli passati, vista la loro presenza continuativa nella Tenuta di San Rossore per oltre tre secoli, dal 1622 al 1944, e di nuovo nel Dopoguerra.

I dromedari che nel pomeriggio di oggi sono approdati in Piazza dei miracoli a Pisa provengono dall’Italia, così da non creare alcuna preoccupazione per quanto riguarda gli aspetti sanitari: una giovane femmina, dal manto bianco, arriva dal Parco faunistico delle Cornelle in provincia di Bergamo (www.lecornelle.it), che in questo modo contribuisce ad un progetto di rilevanza nazionale; altri due animali – una femmina ed un maschio – sono stati ceduti dal gestore del Parco faunistico “Leopark” di Gualdo Cattaneo, in provincia di Perugia, e sono perfettamente domati.

Questo primo nucleo sarà ospitato nei pascoli della Tenuta, nelle vicinanze dei cavalli (circa 50) e dei bovini (al momento oltre 200), che da sempre popolano San Rossore pur essendo sempre stati poco visibili al pubblico; anche le stalle costruite in località “Boschetto” nell’Ottocento proprio per i dromedari, anziché finire in disuso, torneranno ad ospitarli in una prima fase.

Come annunciato nei mesi scorsi, uno degli obiettivi della reintroduzione dei dromedari, oltre ai già citati aspetti storico-culturali, è quello di aprire la zona agricola di San Rossore, sinora mai utilizzata nelle attività di promozione turistica, alle visite del pubblico, con attività didattiche che abbiano lo scopo di spiegare il ruolo ecologico e socioeconomico di queste razze animali: bovini biologici da carne col mucco pisano in prima linea, cavalli da lavoro TPR (Tiro Pesante Rapido) e cavallini “monterufolini” in estinzione, ai quali oggi si aggiungono i dromedari e, presto, anche le vacche di razza maremmana, anch’esse presenti nella tenuta in passato. Molto presto nei pascoli di Piaggerta sarà dunque possibile incontrare questi splendidi animali, in un’area particolarmente adatta a loro per il clima favorevole ed il terreno sabbioso.

Come fece il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi alla fine degli anni Cinquanta, quando riportò un nucleo di dromedari dopo un’assenza di meno di vent’anni, l’arrivo di questi animali ha avuto una cornice d’eccezione: in Piazza dei Miracoli gli animali hanno fatto una breve sosta questo pomeriggio, per rievocare le immagini delle stampe dell’Ottocento – oggi in mostra anche a Palazzo Lanfranchi – che ritraggono sotto la Torre pendente i cosiddetti “cammelli”, citati anche nelle memorie di Friedrich Nietzsche, carichi di materiali da trasportare in groppa.

(Ente Parco Regionale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, comunicato stampa 7 agosto 2014)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Provincia di Pisa

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU