Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Terremoto in Lunigiana: gli aggiornamenti

Il 13 luglio 2013 il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha visitato, insieme al capo del dipartimento della Protezione civile nazionale Franco Gabrielli, le zone terremotate della Lunigiana e della Garfagnana.

"Noi stiamo monitorando il territorio - ha detto Franco Gabrielli - ma dobbiamo metterci in testa che può capitare un terremoto significativo. Il nostro paese ha un'altissima sismicità e i terremoti non si possono prevedere: occorre fare molta prevenzione, costruire case a norma che possono resistere agli eventi". Gabrielli ha anche annunciato che lo stanziamento da parte del Governo di tre milioni di euro destinati ai lavori di prima urgenza.

Insieme a Rossi e Gabrielli erano presenti anche i sindaci della Lunigiana, Giovanni Menduni (Commissario per l'emergenza terremoto), Cosimo Ferri (Sottosegretario alla giustizia) e Giuseppe Merendino, prefetto di Massa Carrara.

Dal 21 giugno 2013 ad oggi in Lunigiana e Garfagnana, zone dell'epicentro, sono state registrate circa 2000 scosse di varia entità.

(ToscanaGo, 14 luglio 2013)


Terremoto: mozione chiede sgravi e facilitazioni per case danneggiate

Il testo, approvato all’unanimità, chiede anche prestiti agevolati per la rimessa a norma degli edifici danneggiati

Firenze – È stata approvata all’unanimità dal Consiglio toscano una mozione con cui si impegna la Giunta a sollecitare il Governo nazionale affinché chi ha avuto la casa danneggiata dal recente terremoto del 21 giugno, che ha colpito Lunigiana e Garfagnana, possa avere degli sgravi fiscali o dei prestiti agevolati per ristrutturarla o rimetterla a norma.

La mozione, con primo firmatario Loris Rossetti (Pd), è stata sottoscritta anche da altri consiglieri regionali del territorio, Paolo Marini (Fds-Verdi), Marco Remaschi (Pd) ed Ardelio Pellegrinotti (Pd).

Con il testo approvato il Consiglio impegna la Giunta regionale a prevedere agevolazioni fiscali o prestiti agevolati anche per la messa in sicurezza sismica degli edifici. La mozione chiede infine di intervenire sul Governo affinché gli investimenti pubblici in materia di riduzione del rischio sismico degli edifici siano esclusi dal patto di stabilità.

(Consiglio Regionale Toscana, comunicato stampa 10 luglio 2013, n. 745)


Terremoto in Lunigiana: cronaca di un "non evento"

Baroni e Ballerini replicano alle parole del capo della protezione civile Franco Gabrielli

Nel video Fabio Baroni, dell'organizzazione no profit Salviamo Le Apuane, e Riccardo Ballerini, sindaco di Casole (il comune più danneggiato), raccontano la reale situazione di difficoltà in cui si trova la Lunigiana, molto provata dalle scosse sismiche dell'ultimo periodo.

Il loro è un grido di aiuto per la terra nella quale vivono e che le istituzioni sembrano quasi aver abbandonato a se stessa sminuendo gli effetti del terremoto. Il Comune di Casola ha anche aperto un conto corrente bancario presso Banca Mediolanum sul quale è possibile effettuare versamenti (Iban: IT56S0306234210000001400079 - Causale: "Aiutiamo Casola in Lunigiana").

(ToscanaGo, 4 luglio 2013)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Provincia di Lucca

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Spiaggia della Lecciona (Viareggio)