Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Lucca

LuccaLa città, raccolta entro la sua famosa cerchia muraria, stupisce per la ricchezza dei monumenti, delle chiese, delle piazze e per il fitto tessuto di vicoli, di case da cui emergono torri, campanili, cupole. Il suo centro storico è candidato a diventare patrimonio dell’Umanità per la sua importanza storica nella “via della seta” e a questo scopo è nato un percorso guidato attraverso siti legati a questa attività che nel Medioevo qui era particolarmente fiorente.

Immagini: foto copyright © Alessandro Conti, tutti i diritti riservati.

"…la città dell’arborato cerchio,
ove dorme la donna del Guinici”

Gabriele D’Annunzio

Inizierei la visita della città dalle sue mura perfettamente integre. Si tratta di circa 4 chilometri di viali alberati oggi adibiti a passeggiata. Una sorta di grande balconata sulla città che permette una doppia visione: quella all’interno verso il centro storico e quella esterna verso la piana. Procedendo lungo i viali si notano all’interno, da un punto di vista diverso, i maggiori monumenti, gli spazi urbani, la struttura con gli stretti vicoli. All’esterno bei viali fiancheggiati da ville e caseggiati della città “nuova”; in lontananza lo sguardo, spaziando sulla pianura lucchese, incontra i pendii delle Alpi Apuane, le colline che scendono verso l’Arno e il monte Pisano a causa del quale (citando Dante), “I Pisan veder Lucca non ponno”.

Nella città si accede attraverso sei porte che si aprono nella cinta muraria e dalle posterle degli 11 bastioni.

Il centro storico monumentale rimasto intatto annovera architetture di grande pregio fra cui le numerose chiese medievali (a questo proposito Lucca è stata soprannominata la "città dalle 100 chiese").

Il Duomo è dedicato a San Martino con la sua elegantissima facciata marmorea decorata con loggette, tarsie, sculture con le storie di San Martino e con opere di Nicola Pisano. Si rimane , sorpresi per le innumerevoli opere d’arte che contiene al suo interno fra cui la celeberrima opera di Iacopo della Quercia: la Tomba di Ilaria del Carretto, sposa di Paolo Guinigi, signore di Lucca. Altra rarità qui conservata in un apposito tempietto è l'antico crocifisso del Volto Santo risalente al quattrocento.

In Piazza San Michele, antico foro romano e cuore della città, si può ammirare un vero e proprio gioiello, San Michele in Foro, splendido esemplare dell’architettura pisano-lucchese. La sua facciata è un ricamo di logge sovrapposte e preziose alla cui sommità si trova la statua dell’Arcangelo San Michele. Anche all’interno troviamo importanti capolavori tra cui una Madonna col Bambino di Andrea Della Robbia e i Quattro Santi di Filippino Lippi. Sulla stessa piazza troviamo palazzi caratteristici e il Palazzo Pretorio, una volta sede del podestà.

La chiesa di Santa Reparata, risalente al IV secolo, con la sua splendida facciata tardo rinascimentale conserva l’originario portale romanico. Con l'adiacente Battistero di San Giovanni presenta una vasta area archeologica dove si può ammirare la struttura primitiva della basilica paleocristiana del IV-V secolo che presenta la stessa pianta e le stesse dimensioni della chiesa superiore con pavimentazione a mosaico di cui restano solo frammenti.

La Basilica di San Frediano, posta su un alto basamento è corredata di un poderoso campanile e di una singolare facciata decorata, nella parte superiore, da un enorme mosaico bizantino. L’interno conserva preziosi capolavori dei Della Robbia, di Jacopo della Quercia, del Civitali; notevole è il fonte battesimale di fattura romanica-lucchese.

Lucca è ricca anche di spazi suggestivi, un singolare esempio è dato dalla Piazza dell’Anfiteatro a forma ellittica perché occupa l’arena dell’antico Anfiteatro Romano. Sulla piazza vi sono molti negozi all'interno dei quali sono visibili le antiche strutture. Vicinissima si allunga la via più tipica di Lucca, via Fillungo che attraversa buona parte della città con il suo andamento tortuoso. E’ sicuramente anche la via più nota e più frequentata poiché vi si trovano svariate attività commerciali e antiche botteghe.

In pieno centro si apre la più grande piazza di Lucca, Piazza Napoleone, dove ogni anno si svolgono i concerti del Summar Festival. Un lato della piazza è occupato dal Palazzo della Prefettura che ospita la Pinacoteca Nazionale con pregevoli opere del Vasari, Tiziano e Tintoretto. Nell’adiacente piazza del Giglio possiamo ammirare il Teatro Comunale del Giglio dove vi si tengono stagioni di teatro, di danza,di musica sinfonica e di lirica.

Un tempo Lucca contava 250 torri private che poi sono state abbattute. Torre Guinigi è una delle poche rimaste e la più importante. Costruita nel Medioevo dall’omonima famiglia di commercianti, è rimasta come simbolo di ricchezza e di rinascita della città. Alta 45 metri, alla sua sommità si trova un piccolo giardino pensile con grossi lecci secolari. Dall’alto della torre si possono ammirare sia il centro storico sia il paesaggio circostante con le cime delle Alpi Apuane, gli Appennini, e il monte Pisano.

Ogni anno Lucca ospita il Salone del fumetto che richiama visitatori da tutta Italia. La fiera Lucca Comics and Games, in pochi anni diventata un evento straordinario, è considerata come la terza fiera mondiale riguardante fumetti, giochi e cinema. In un prestigioso edificio del centro è stato realizzato il Museo Nazionale del Fumetto dove, grazie agli spazi interattivi, alle strutture altamente tecnologiche, alle soluzioni innovative, è possibile vivere un vero e proprio viaggio nel mondo del fumetto.

Nella città esistono due importanti musei nazionali. Il primo è Palazzo Mansi, uno dei palazzi più lussuosi della città che risale al 600. Si tratta di un “museo nel museo”. Innanzitutto perché rappresenta una significativa testimonianza delle residenze dei mercanti lucchesi e della vita della nobiltà locale. Basta pensare che sono stati recuperati gli arredi originali, affreschi, arazzi. Significativa rimane la “Camera degli Sposi” esempio di stile Barocco con la sua alcova e i tessuti del 700. Qui inoltre nel 1977 venne inaugurata la Pinacoteca Nazionale con collezioni di grande valore che comprendono opere di Jacopo da Pontormo, di Domenico Beccafumi, di Guido Reni, del Tintoretto.

L’altro Museo Nazionale ha sede a Villa Guinigi in uno degli edifici più antichi e più imponenti della città. Le opere qui esposte sono collegate alla storia di Lucca, dalle sue origini fino al XVIII secolo.

Lucca, una delle più belle e tipiche città della Toscana, raccolta e protetta dalle sue Mura, di piccole dimensioni, ricca, elegante e nobile per il suo fiorente passato, è tutta da scoprire.

(Giuseppina Lupo, 15 febbraio 2015. Leggi anche Ristoranti a Lucca e dintorni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Provincia di Lucca

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Spiaggia della Lecciona (Viareggio)