Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Robert Hromec. Mani di luce

Dal 7 ottobre al 2 novembre 2014 i lavori su alluminio dell’artista slovacco saranno ospitati nel Lu.C.C.A. Lounge.

Immagine allegata al comunicato stampa.

L’alluminio come palinsesto ideale per sperimentazioni su luce e colore, ma soprattutto come mezzo di riflessione sulla figura umana e sul rapporto tra mondo terreno e ultraterreno. L’artista slovacco Robert Hromec espone per la prima volta a Lucca con la mostra personale dal titolo “Mani di luce”, allestita nel Lu.C.C.A. Lounge dal 7 ottobre al 2 novembre 2014 (ingresso libero), e che sarà inaugurata alla sua presenza venerdì 10 ottobre alle ore 18.

Nelle sue opere, che giocano con l’illusione ottica, ricorre frequentemente il simbolo della mano. Espressione dell’idea di attività, di emblema regale, di strumento di autorità, di potenza e di dominio, la mano si associa anche, nella cultura dell’Estremo Oriente, ad azioni legate all’accoglienza spirituale e all’esperienza interiore. “Robert Hromec – sottolinea Maurizio Vanni, direttore del Lu.C.C.A. –, prima ancora di manifestare segni e simboli, macchie di colore in una superficie considerata parte attiva, si appropria di uno spazio, più mentale che fisico, trasformandolo nella dimensione del qui e ora dove la composizione si apre ai nostri occhi quasi come un enigma da decifrare”.

Nelle opere dell’artista di Bratislava è come se si componesse una sorta di danza delle mani legata sia ai movimenti e alle forme che esse assumono sulla superficie dei suoi lavori, sia per la loro posizione rispetto al resto del corpo. “Hromec – continua Vanni – utilizza spesso la simbologia delle mani, la loro differente postura, il diverso posizionamento delle dita, e la loro relazione con lo spazio e tra loro stesse. In modo quasi ossessivo, le mani si trasformano in tracce esistenziali, in orme cerebrali che sembrano volerci suggerire qualcosa di primordiale e magico”.

Mani che accolgono, che prendono, che indicano, che distinguono, che chiudono, che rassicurano, che insegnano, che raccontano all’interno di un’esplosione di luce, di gestualità colorate e di elementi rifrangenti. Quelle di Hromec sono mani che risplendono, che portano luce e conoscenza, ma solo per coloro che sanno concedersi anche a qualcosa che non ha un significato diretto e razionale.

Note biografiche di Robert Hromec

Nato nel 1970, ha conseguito il diploma in Pittura all'Hunter College di New York (1998) e in Incisione al City College di New York (1995). Ha studiato Belle Arti presso l'Istituto Pratt (1990-1991); è stato assistente presso il Dipartimento di Pittura presso l'Hunter College (1997-98) e ha lavorato al Metropolitan Museum of Art di New York (1992-1998). Hromec si è aggiudicato una borsa di studio per studiare Belle Arti alla Slade School of Fine Art di Londra, e nel 2002, per ampliare ulteriormente i suoi orizzonti, ha conseguito una laurea in Arte al Politecnico slovacco di Bratislava. Durante il suo soggiorno di otto anni a New York, Hromec sperimenta varie tecniche artistiche fino a raggiungere un suo proprio linguaggio artistico, che chiama “printpainting”. L'illusione ottica svolge un ruolo importante nei suoi ultimi printpaintings, con piastra di alluminio utilizzato come base. Il suo lavoro pluripremiato è stato esposto in oltre settanta mostre negli Stati Uniti, Canada ed Europa. Nell’estate del 1997, uno dei suoi dipinti è stato incluso in una mostra collettiva presso il Metropolitan Museum of Art di New York. Hromec ha anche esposto presso The Houses of Art Gallery, Red Penguin Art Gallery e Museo Cortijo Miraflores a Marbella; United Nations Plaza a Ginevra e New York; Claudine Hohl Gallery di Zurigo; Danubiana Meulensteen Art Museum e GMB a Bratislava; Europazentrum a Graz; Westbeth Gallery di New York; Istituto Slovacco di Praga, Budapest, Berlino e Vienna; V. Kramar Gallery e D+Gallery di Praga; Beaux Arts Gallery a Heeze; GreCo Gallery di Vienna e altri luoghi. Nel 2010, il Danubiana Meulensteen Museum of Art ha pubblicato la monografia “Twenty Years” dedicata al lavoro di Hromec dal 1990 al 2010. A dicembre 2013, Cantor Art Press di New York ha pubblicato il libro “Robert Hromec: New Mixed-Media Paintings on Aluminum Plate” che può essere trovato nelle biblioteche dei più importanti musei americani. Hromec vive e lavora a Bratislava (Slovacchia).

(Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art, comunicato stampa 4 ottobre 2014)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Provincia di Lucca

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Spiaggia della Lecciona (Viareggio)