Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Maestà della formica: il vigneto più alto della Toscana

La vigna di riesling è stata impiantata a maggio 2014 e si trova in località La Foce nel comune di Careggine, in Garfagnana, a circa mille metri sul livello del mare. Il sistema di allevamento scelto, misto spalliera-alberello, permetterà di valutare al meglio le risposte del vigneto e di assecondare in maniera ottimale le diverse pendenze del terreno. La prima uscita sul mercato è prevista con l'annata 2017.

Se non è una sfida poco ci manca: mai nessuno, in Toscana, aveva osato piantare una vigna ad un'altezza così elevata. Ci stanno provando Andrea Elmi, Gian Luca Guidi e Marco Raffaelli, che in questa zona della Garfagnana producono una notevole quantità di frutta e verdura di ogni tipo, tutta di alta qualità (dalle fragole di bosco alla liquirizia, dal ribes dei sassi al raro mirtillo siberiano ed un'infinità di altri frutti) e si occupano anche di reperire per gli chef più esigenti frutti, erbe e gemme selvatiche come rosa canina, biancospino, corteccia di betulla, ginepro oltre ad elaborare, da quest'anno, anche confetture, sciroppi, gelée, mostarde, canditi, sott'oli e creme spalmabili con prodotti a chilometri zero repreriti all'interno del meraviglioso parco naturale delle Alpi Apuane.

La loro azienda, Maestà della Formica, è nata su un grande altopiano dedito all'agricoltura da tempi molto antichi e caratterizzato da forti escursioni termiche estive tra il giorno e la notte, un'abbondante presenza di neve nel periodo invernale, primavere con miti giornate soleggiate ed un'ottima natura del suolo da sempre esente da lavorazioni chimiche invasive.

Il terreno coltivato si estende su un'area di circa un ettaro con esposizione sud, sud-ovest sulle pendici del monte Sumbra, dove Andrea, Gianluca e Marco coltivano in conversione biodinamica nel totale rispetto della natura, utilizzando per l'irrigazione dei frutteti l'acqua della loro sorgente.

E' in questo piccolo angolo di paradiso montanaro che hanno deciso di impintare anche il primo vigneto di riesling delle Alpi Apuane: le prime 3.000 piante sono state impiantate a maggio 2014 e serviranno da esperimento pilota al quale ne seguiranno altri, negli anni successivi, in base alle risposte dei diversi cloni.

Su due diversi portinnesti sono stati impiantati tre diversi cloni selezionati ed acquistati in Germania grazie all'aiuto della famiglia Selbach-Oster che dal 1600 produce riesling nella valle della Mosella, famosa zona tedesca ad un'altitudine di oltre 700 metri sul livello del mare e terra natale di vini leggeri dal sapore molto delicato.

Il vigneto impiantato a Careggine si trova ad un'altezza di circa mille metri sul livello del mare con un'esposizione verso sud-ovest. Il sistema di allevamento adottato è un misto spalliera-alberello che permetterà di valutare al meglio le risposte del vigneto e di assecondare in maniera ottimale le diverse pendenze del terreno.

La prima uscita sul mercato è prevista con l'annata 2017.

(ToscanaGo, 18 maggio 2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft