Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Crazyrun 2014: tappa 7

Settima tappa della gara: le auto si spostano verso Suvereto per un check point alcolico: siamo alla Cantina Petra, i cui vigneti sono dominati dallo spettacolare edificio progettato dall'architetto Mario Botta. Al check point in testa, con zero penalità, ci sono i 7 team che avevano zero penalità totali alle due tappe precedenti. La classifica del team ToscanaGo risale una posizione e si porta al ventesimo posto.

Foto copyright ToscanaGo © Tutti i diritti riservati.

Il settimo indizio trovato nella busta che ci hanno consegnato presso la cattedrale di San Cerbone prevede di individuare un edificio progettato dall'architetto Mario Botta non molto lontano da Massa Marittima.

Mhmmm... inseriamo le parole "Mario Botta" e "Toscana" su Google e proviamo a vedere cosa esce: tutti i risultati indicato la Cantina Petra, un edificio sede dell'omonima casa vinicola che si trova a Suvereto (Livorno) costruita tra il 2001 ed il 2003 proprio su progetto dell'architetto svizzero Mario Botta. Trovata!

Accendiamo il navigatore del cellulare e partiamo verso Suvereto ma pochi chilometri dopo perdiamo il segnale sul telefono di Valerio. Provo ad avviare il gps sul mio cellulare ma niente. Siamo totalmente tagliati fuori: ancora una volta la nostra inesperienza ci penalizza... non ci resta che seguire la vettura di un altro team sperando che abbiano individuato il check point. Rallentiamo e ci facciamo tirare la volata da un paio di crazyrunner che sopraggiungono sorpassandoci.

Arriviamo alla Cantina Petra, parcheggiamo in mezzo alle altre auto presenti sotto l'enorme scala che domina i vigneti circostanti e la domanda alla quale immediatamente cerchiamo di dare una risposta è: cosa dobbiamo contare? Un conteggio stancante... boh!?! Ci avviamo verso la scalinata e notiamo che alcuni componenti di altri team stanno contando gli scalini: bene, io e Valerio iniziamo allora l'irta salita appaiati, eseguendo contemporaneamente due autonomi conteggi per essere sicuri di non sbagliare e arrivati in cima confrontiamo i dati: 141 scalini! Firmo, comunico il numero e... il conteggio è giusto, nessuna penalità! Ci consegnano una bottiglietta di acqua, un bicchiere, due caramelle all'orzo e la busta numero 8. Prima di tornare giù all'auto riprendiamo fiato per alcuni secondi ammirando la vallata.

Non possiamo però fermarci perchè il tempo è comunque già partito... uno ad uno percorriamo in senso inverso i 141 gradini fatti in salita all'andata e apriamo la busta leggendola mentre raggiungiamo a piedi la nostra auto.

Ancora una volta i team in testa con zero penalità sono i 7 che si trovano appaiati al primo posto dalle due tappe precedenti: Scolaretti, #mokambo, The Black Panthers, McQueen, Fagiano Team, TuttoNoMaPigia e Osso Garage. Il team ToscanaGo guadagna una posizione e risale dal ventunesimo al ventesimo posto. Classifica completa su www.crazyrun.org.

(Andrea Gervasi, 4 luglio 2014. Leggi anche Crazyrun 2014: tappa 6 e Crazyrun 2014: tappa 8)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft