Contenuto Principale

Giglio e Giannutri: niente auto in bella stagione

Al via i divieti provvisori di circolazione previsti sulle due isole per il periodo primaverile ed estivo.

Dal 28 marzo 2013 al 16 settembre 2013 sono vietati l'afflusso e la circolazione sull'isola del Giglio degli autobus appartenenti ad imprese non aventi la sede legale ed amministrativa nell'isola stessa ad esclusione del concessionario che effettua trasporto pubblico locale comunale e dal 3 agosto 2013 al 25 agosto 2013 è vietato anche l'afflusso e la circolazione dei veicoli appartenenti a persone non stabilmente residenti sull'isola.

Dal 28 marzo 2013 al 3 novembre 2013 sono infine vietati l'afflusso e la circolazione sull'isola di Giannutri dei veicoli appartenenti a persone non stabilmente residenti nell'Isola stessa.

In caso di violazione dei divieti è prevista una sanzione amministrativa che va da un minimo di 410 euro ad un massimo di 1.643 euro.

(ToscanaGo, 30 marzo 2013)


MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DECRETO 15 marzo 2013

Limitazione all'afflusso e alla circolazione dei veicoli sull'Isola del Giglio e Giannutri. (13A02807)

(GU n. 73 del 27-3-2013)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Visto l'art. 8 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come modificato con decreto legislativo 10 settembre 1993, n. 360, concernente limitazioni all'afflusso ed alla circolazione stradale nelle piccole isole dove si trovano comuni dichiarati di soggiorno o di cura;

Vista la circolare n. 5222 dell'8 settembre 1999, con la quale sono state dettate le istruzioni relative all'applicazione del summenzionato art. 8 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285; Considerato che, ai sensi del predetto articolo spetta al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentite le regioni e i comuni interessati, la facolta' di vietare nei mesi di piu' intenso movimento turistico, l'afflusso e la circolazione nelle piccole isole di veicoli appartenenti a persone non facenti parte della popolazione stabile;

Vista la delibera di Giunta comunale del comune dell'Isola del Giglio del 15 gennaio 2013, n. 5, concernente il divieto di afflusso e di circolazione sull'Isola del Giglio e di Giannutri, dei veicoli appartenenti a persone non facenti parte della popolazione stabilmente residente nelle stesse isole e degli autobus appartenenti ad imprese non aventi la sede legale ed amministrativa nell'isola del Giglio e successiva nota n. 1825 del 4 marzo 2013;

Vista la nota dell'Ufficio territoriale del Governo di Grosseto prot. n. 6146-AREA III/P.A. del 26 febbraio 2013 con la quale si esprime parere favorevole all'emissione del decreto in questione;

Vista la deliberazione della Giunta regionale Toscana del 4 marzo 2013, n 140, con la quale la Regione Toscana esprime parere favorevole all'emissione del decreto in questione;

Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico e Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 13 dicembre 2011, allegato al decreto del Presidente della Repubblica 19 dicembre 2011 e pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana, serie generale, n. 301 del 28 dicembre 2011, a mezzo del quale sono state delegate al Sottosegretario di Stato le materie relative al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;

Ritenuto opportuno adottare i richiesti provvedimenti restrittivi della circolazione stradale per le ragioni espresse nei succitati atti;

Decreta:

Art. 1

Divieti

1. Dal 28 marzo 2013 al 16 settembre 2013, sono vietati l'afflusso e la circolazione sull'Isola del Giglio degli autobus appartenenti ad imprese non aventi la sede legale ed amministrativa nell'isola stessa ad esclusione del concessionario che effettua trasporto pubblico locale comunale.

2. Dal 3 agosto 2013 al 25 agosto 2013 e', altresi', vietato l'afflusso e la circolazione dei veicoli appartenenti a persone non stabilmente residenti nell'Isola del Giglio.

3. Dal 28 marzo 2013 al 3 novembre 2013 e' vietato l'afflusso e la circolazione, sull'isola di Giannutri, dei veicoli appartenenti a persone non stabilmente residenti nell'Isola stessa;

Art. 2

Deroghe

1. Per l'Isola del Giglio, nel periodo di cui all'art. 1, comma 2, sono esclusi dal divieto i seguenti veicoli: a) veicoli appartenenti a persone stabilmente residenti, secondo le risultanze degli atti anagrafici, con esclusione delle persone dimoranti ovvero domiciliate nel comune dell'Isola del Giglio; b) veicoli appartenenti a persone non residenti iscritte nei ruoli comunali delle imposte di nettezza urbana; c) veicoli i cui proprietari, non residenti, trascorreranno almeno cinque giorni sull'Isola e caravan e autocaravan i cui proprietari trascorreranno con il loro veicolo almeno quattro giorni nell'unico campeggio esistente nell'isola. Durante il periodo di vigenza dei divieti, i proprietari dovranno esibire allo sbarco sull'isola ed a richiesta degli organi di controllo, un'autocertificazione, da conservare all'interno del veicolo per tutto il periodo di soggiorno, nella quale dovranno essere riportati i dati del veicolo (targa ed intestatario), i dati del dichiarante (dati anagrafici, indirizzo e codice fiscale) ed i dati del datore dell'alloggio (nome esercizio, localita' e periodo del soggiorno); d) veicoli con targa estera; e) veicoli per trasporto merci, sempre che non siano in contrasto con le limitazioni alla circolazione vigente sulle strade dell'Isola; f) autoambulanze, carri funebri, veicoli dei servizi di polizia e antincendio; g) veicoli al servizio di persone invalide, purche' muniti dell'apposito contrassegno previsto dall'art. 381 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modifiche ed integrazioni, rilasciato da una competente autorita' italiana o estera.

2. Per l'isola di Giannutri, nel periodo di cui all'art. 1, comma 3, sono esclusi dal divieto i seguenti veicoli: a) veicoli appartenenti a persone stabilmente residenti, secondo le risultanze degli atti anagrafici, con esclusione delle persone dimoranti ovvero domiciliate nel comune di Isola del Giglio -
frazione Isola di Giannutri; b) autoambulanze, carri funebri, veicoli dei servizi di polizia ed antincendio; c) veicoli al servizio di persone invalide, purche' muniti dell'apposito contrassegno previsto dall'art. 381 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modifiche ed integrazioni, rilasciato da una competente autorita' italiana o estera; d) veicoli adibiti al recupero dei R.S.U., e al trasporto di materiali classificati rifiuti speciali; e) veicoli adibiti all'approvvigionamento idrico, alla manutenzione dell'acquedotto e della rete fognaria, nonche' al trasporto di gasolio per centrale elettrica.

Art. 3

Autorizzazioni

Al comune dell'Isola del Giglio e' concessa la facolta', in caso di appurata e reale necessita' ed urgenza, ivi compresi i veicoli necessari per far fronte all'emergenza venutasi a creare con il naufragio della nave da crociera Costa Concordia, di concedere ulteriori autorizzazioni in deroga al divieto di sbarco.

Art. 4

Sanzioni

Chiunque viola i divieti di cui al presente decreto e' punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 410 a euro 1.643 cosi' come previsto dal comma 2, dell'art. 8, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, con gli aggiornamenti di cui al decreto del Ministro della giustizia in data 19 dicembre 2012.

Art. 5

Vigilanza

Il Prefetto di Grosseto e' incaricato dell'esecuzione e dell'assidua e sistematica sorveglianza sul rispetto dei divieti stabiliti con il presente decreto, per tutto il periodo considerato.

Roma, 15 marzo 2013.

Il Vice ministro: Ciaccia

Registrato alla Corte dei conti il 21 marzo 2013.

Ufficio controllo atti Ministero delle infrastrutture dei trasporti e del Ministero dell'ambiente, della tutela del territorio e del mare, registro n. 2, foglio n. 146.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Isola d'Elba

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Isola d'Elba

Isola del Giglio

Isola di Montecristo

Capraia: cala rossa