Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Giorgio Faletti: morto l'artista adottato dall'Elba

Il video della canzone dedicata all'isola dell'arcipelago toscano che era diventata la sua seconda casa, che amava e nella quale si ritirava spesso per farsi ispirare dal mare e giocare con i gatti.

Amava a tal punto l'isola d'Elba da averle dedicato una canzone, "Da casa mia si vede il mare", scritta in appena due ore e presentata con una sua lettera che riportiamo sotto.

"Cari amici, sarebbe stato per me un piacere e un onore inaugurare questo spazio con un mio spettacolo. Purtroppo la vita a volte mette molto più ingegno nell'infilare bastoni fra le ruote che non nell'aiutare gli esseri umani a realizzare i loro sogni. Penso tuttavia di essere stato sostituito più che degnamente da questo gruppo di persone che è un piacere definire amici oltre che artisti.

Personalmente, da quando sono arrivato su questo scoglio e ne sono stato conquistato, ho sempre pensato che un giorno avrei scritto una canzone che parlasse dell'Elba. Dato che sono uno che si prende i suoi tempi, quella canzone ci ha messo vent'anni per venire fuori. Ma, al momento giusto, è nata in poco tempo, nel giro di due ore, come tutte le cose che vengono da dentro, frutto dell’emozione e non solo della volontà. L'ho affidata alle persone che avete visto su questo palco, certo che il loro talento e l'amore che nutrono per quest'isola l'avrebbero fatta volare nel modo migliore.

Spero che nell'ascoltarla proviate la stessa emozione che ho provato io nello scriverla, quando un giorno mi sono affacciato alla finestra e, secondo la regola che spesso si guarda ma non si vede, ho scoperto d’un tratto di essere in possesso di un grande privilegio: da casa mia si vede il mare. Un abbraccio a tutti.

Giorgio Faletti

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Da casa mia si vede il mare

C'è una chiesa tra gli ulivi, c'è un pezzetto di mare
una barca in mezzo al golfo con un pesce da pescare
e un antico galeone appoggiato sul fondo
con ricchezze che appartengono per sempre a un altro mondo
e c’è un uovo dentro un nido sulla costa dei gabbiani
costruito con la paglia e con gli scarti degli umani

e io lo so che questa è un’isola...
io lo so che questa è un’isola...
io lo so che questa è un’isola che c’è...

C’è un cespuglio di lentischi a due passi dal mare
con la polvere che sale su una strada da asfaltare
ed un rosso tramonto che s'appoggia al paesaggio
mentre al molo un pescatore tratta il prezzo dell'ingaggio
c’è una nave da crociera che si muove all'orizzonte
e non sa con la distanza la bellezza che ha di fronte

e io lo so che questa è un'isola
io lo so che questa è un'isola
io lo so che questa è un’isola che c’è...

C’è in un cane che appartiene alla gente del paese
nell’estate che promette di durare ancora un mese
c’è nel tempo, c’è nel vento
c’è nel ventre spinto in fuori delle vele colorate
nell’inverno che ha il sapore delle cose abbandonate
nel salmastro verso terra
nel ligustro di una serra in primavera

C’è la ruggine ferrosa di miniere a cielo aperto
ed un panno di vigogna quando il cielo è più coperto
e c’è il fumo degli incendi sulla grande montagna
che si vede da lontano fino in fondo alla campagna
c’è la notte da scoprire e poi c’è il giorno da inventare
io lo so perché da qui ch'è casa mia si vede il mare

io lo so che questa è un’isola
io lo so che questa è un’isola
io lo so che questa è un’isola che c’è... che c’è... che c’è...

Da casa mia si vede il mare - Testo e musica di Giorgio Faletti, arrangiamenti di Lucio Fabbri. Interpreti: chitarra e voce Carlo Ridi, chitarra classica Alessandra Emprin, pianoforte Alessandra Puccini, violoncello Jacopo Baroni, 1° clarinetto Alessia Conte, 2° clarinetto Sara Trafeli. Coro: Giuliano Conte, Antonio Candigliota, Fabrizio Fasolino, Guido Salvadori, Moira Matta, Laura Corsetti, Francesca Messina, Antonella Rossato, Daniela Grossi, Francesca Geri, Maria Teresa Rubini. Presentazione: Tiberio Pangia e Maria Paola Scappini. Tecnici del suono: Francesco e Michelangelo Meola, Piero Gagliardi. Riprese video: Lorenzo Puccini - Teatro Flamingo, Capoliveri (isola d'Elba), 18 maggio 2014.

(ToscanaGo, 5 luglio 2014)


Sanremo 1987, Pippo Baudo e Giorgio Faletti.jpg
"Sanremo 1987, Pippo Baudo e Giorgio Faletti" di Olycom - È morto Giorgio Faletti in gazzetta.it, 4 luglio 2014. Tramite Wikipedia.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Info Isola d'Elba

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Isola d'Elba

Isola del Giglio

Isola di Montecristo

Capraia: cala rossa