Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Firenze made in Japan

Per gli amanti del sol levante la città è piena di "angoli" orientali: dal tempio zen all'arte e alla cultura fino, ovviamente, ai ristoranti tipici.

Firenze è una città tipicamente toscana nella quale, nonostante l'inesistenza dei cosiddetti quartieri "nazionali", come Little Italy a Manhattan (New York) o le China Town di Melbourne e di San Francisco, si trovano comunque sparsi per la città come macchie sul manto di un leopardo numerosi locali che sprizzano da tutti i pori culture più o meno lontane. Una di queste è sicuramente quella giapponese.

Innanzitutto a Firenze esiste un Centro Zen con il suo tempio Shinnyo-ji, sede italiana del Monastero di Daijo-ji a Kanazawa (Giappone), nel quale viene praticato lo zen secondo la Tradizione giapponese Sōtō, aperto a tutti indipendentemente da orientamenti e credo personali.

Ci sono poi numerosi negozi tra cui librerie specializzate, come Italia Shobo Firenze (viale Francesco Petrarca 42/R), o boutique dove acquistare prodotti per ricreare in ambiente familiare l'atmosfera rilassata del Giappone, per esempio Ajisai, uno shop in via de' Serragli 74/R dove vendono un po' di tutto: dai piccoli portafortuna per la casa ai sushi set, dai kimono agli obentobako, agli asciugamani di garza tradizionali.

Firenze strizza sempre l'occhio alla cultura, è nel suo dna: ecco allora il Museo Stibbert, una stupenda villa con parco all'inglese ruotante attorno alle collezioni di Frederick Stibbert nella quale è custodita tra le altre cose la più grande collezione giapponese al mondo fuori dal Giappone con katana e armature appartenute agli ultimi samurai. Un salto alla Galleria degli Uffizi poi merita sempre farlo, poichè il museo offre da sempre ottimi spunti in chiave nipponica ospitando e avendo ospitato importanti opere giapponesi (tanti gli autori esposti nel corso degli anni, ad esempio Yayoi Kusama, Hiroshi Sugimoto, Tadanori Yokoo).

A proposito: in città ha sede la Lailac, un'associazione fondata nel 1999 con lo scopo di diffondere la cultura giapponese in Italia che organizza periodicamente corsi di cucina tradizionale, di danza Nihon Buyo, di massaggi Shiatsu, di scrittura Shodo, di Origami, di decorazione floreale Ikebana, di disegno con pennello e china Sumie, di tintura Yuzen e persino l'antica arte di realizzazione di piccoli oggetti in tessuto Chirimen. Alla Lailac hanno inoltre un corso specifico sulla cerimonia del tè per scoprire l'affascinante arte dell'ospitalità giapponese e metterla poi in pratica a casa propria, grazie anche ai prodotti che potete trovare in vendita presso un paio di angoli speciali di Firenze:

  • la Peter's Tea House, catena italiana nata nel 1994 il cui punto vendita fiorentino si trova in via dei Fossi 57/R e propone miscele provenienti da Cina e Giappone;
  • la Via del Tè (piazza Ghiberti 22/R, è inoltre in fase di apertura un secondo negozio in via della Condotta 26/R) che propone tè da tutto il mondo, compreso il Giappone, e persino un proprio brand "La Via del Tè", lanciato alla fine degli anni Ottanta in omaggio alla tradizione giapponese del Chano-yu, che trova nel Chado il suo fondamento.

Firenze organizza da alcuni anni il NiMi Festival, una manifestazione interamente dedicata al Giappone con seminari ed incontri a tema. Inoltre un'altra associazione culturale, Iroha (con sede in piazza Santo Spirito 13), collabora all'evento Hinamatsuri, la festa in occasione della primavera giapponese nella quale quest'anno verranno effettuate dimostrazioni di arti tradizionali giapponesi (danza, ikebana, calligrafia), ci sarà una mostra mercato di oggetti giapponesi e saranno raccolti fondi per aiutare gli agricoltori colpiti dalla tragedia di Fukushima.

Infine una nota lieta per il corpo: il ristoro delle specialità culinarie. Ecco un elenco di ristoranti e locali etnici di Firenze nei quali è possibile "mangiare" giapponese:

  • Aji Tei -Viale Spartaco Lavagnini 38/A.
  • Banki Ramen - Via dei Banchi 14/R.
  • Eito - Via dei Neri 72/R.
  • Feng Cooking - Viale Europa 160/R.
  • Fusion Bar - Vicolo dell'Oro 3.
  • Ichiban - Viale Donato Giannotti 16R.
  • Koko - Piazza Francesco Ferrucci 5/R.
  • Kokusai - Piazza Francesco Ferrucci 5/R.
  • Kome - Via dei Benci, 41/R.
  • Yagura - Via Pisana 16/R (Porta San Frediano).
  • Lucky Sushi - Via Faenza, 20/R (055/2381163).
  • Momoyama - Borgo San Frediano 10/R.
  • Mr Sushi - Piazza Primo Maggio 5/6, quartiere 5 (Rifredi).
  • Pin Gusto - Mercato di Sant’Ambrogio, parcheggio Ghiberti.
  • Porfirio Rubirosa - Viale Filippo Strozzi 18/R.
  • Sushi Mania - Viale Filippo Strozzi 10/R.
  • Tomo Sushi - Via Pratese 126/128.
  • Wabisabi - Viale dei Mille 53/R (055/587779).

(ToscanaGo, 24 febbraio 2013)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Uno dei tanti ristoranti giapponesi di Firenze:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU