Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Hats on Film: il cappello nel cinema

In occasione dell’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti 2013 una mostra tra Art-and-Craft e Cinema per promuovere il Made in Tuscany.

Nella foto: Audrey Hepburn (1).

In attesa della Notte degli Oscar, martedì 19 febbraio Artigianato e Palazzo e Consorzio Il Cappello di Firenze inaugurano a Los Angeles la mostra “Hats on Film/Il cappello nel cinema”, una occasione straordinaria per riportare questo manufatto storico dell'artigianato toscano, sinonimo da secoli di stile ed eleganza, sotto i riflettori del grande pubblico internazionale.

Una grande festa con ospiti del mondo del cinema, tra cui l'attore inglese Julian Sands interprete dell’indimenticabile film Camera con vista di James Ivory e l'attrice Barbara Hershey grande interprete di Ritratto di Signora di Jane Campion, entrambi girati per buona parte a Firenze.

Hanno confermato la loro partecipazione anche Jennifer Tilly, nomination all'Oscar come miglior attrice non protagonista nel 1994, Michael Govan, direttore del LACMA Los Angeles Contemporary Art Museum con la moglie Katherine Ross, Lyn Rothman, fondatrice di The Parkinson's Appeal e collaboratrice della rivista Art Review, Cameron Silver, proprietario del negozio vintage di culto “Decades”, la produttrice Valentina Castellani-Quinn, il fotografo Guido Argentini, l'arredatore Peter Dunham oltre al Console Generale di Italia a Los Angeles Giuseppe Perrone.

Le sale dell'Istituto di Cultura Italiana di Los Angeles ospiteranno fino all'8 marzo una installazione di molte centinaia di cappelli di paglia che saranno personalizzati “dal vivo” da esperte modiste a seconda dei gusti del pubblico, la proiezione di “Hats on Film” un film realizzato con il montaggio serrato di momenti celebri della storia del cinema in cui il cappello è il “protagonista”, curato dalla Film Commission della Regione Toscana; infine una mostra fotografica sulle lavorazioni e sui cappelli d'epoca con una selezione di immagini storiche.

La mostra rientra nelle manifestazioni ufficiali dell'“Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti: 2013” promosse dal Ministero degli Affari Esteri, unico progetto sull'artigianato scelto per portare Oltreoceano un'idea di manufatto ancora oggi realizzato tradizionalmente ma con grande attenzione alla contemporaneità.

“Hats on Film/Il cappello nel cinema” è un progetto ideato da Neri Torrigiani - in collaborazione con Giuseppe Grevi, presidente del Consorzio “Il Cappello di Firenze” e Fondazione Sistema Toscana - Toscana Film Commission - nato per valorizzare e promuovere questo particolare accessorio della moda e dell'artigianato “Made in Tuscany” nel mondo, con cui si vuole celebrare il rapporto tra la tradizione italiana del fatto a mano e il cinema

Infatti, così come da moltissimi anni il gusto italiano diffuso nel mondo da alcune delle più prestigiose case di moda influenza lo stile internazionale, così il cappello di fattura italiana - nello specifico toscana - ha avuto un ruolo chiave nella costruzione di alcuni dei più emblematici personaggi cinematografici con attori e registi che hanno associato la loro immagine ad un determinato modello di copricapo quali Francis Ford Coppola, Harrison Ford, Julian Sands, fino all'indimenticabile Mariangela Melato in Travolti da un insolito destino… di Lina Wertmuller.

Molte aziende del Consorzio “Il Cappello di Firenze” hanno collaborato con i costumisti di alcune celebri produzioni cinematografiche internazionali e i loro cappelli hanno incorniciato gli splendidi volti di star hollywoodiane, come Julia Roberts che in Pretty Woman, la commedia romantica con Richard Gere che ha incantato gli spettatori di tutto il mondo, indossa gli eleganti cappelli in paglia della ditta Memar e nel più recente Mangia Prega Ama le colorate creazioni di Facopel.

Sono invece dell’azienda Grevi i cappelli indossati da Cher in Un tè con Mussolini di Franco Zeffirelli, mentre Memar ha realizzato per Dolce e Gabbana la cloche in paglia che Samantha Jones, interpretata da Kim Cattrall, sfoggia nel film di successo Sex and the City. Infine, i cappelli della ditta Marzi sono stati utilizzati nell’ultimo lavoro di Giuseppe Tornatore La Migliore Offerta con Geoffrey Rush e Sylvia Hoeks.

Per concludere una curiosità sconosciuta ai più che lega il mondo del cinema hollywoodiano con la Toscana e la produzione dei cappelli: il matrimonio tra la figlia dell'attore Premio Oscar Fredric March e il figlio di Beppe Fantacci, illustre cappellaio che negli anni Trenta ha esportato il cappello fiorentino negli Stati Uniti.

(Consorzio Il Cappello di Firenze, comunicato stampa 13 febbraio 2013)

(1) L'immagine è un fotogramma del film Colazione da Tiffany prodotto in Italia nel 1961. Secondo gli articoli 87 e 92 della legge 22 aprile 1941, n. 633 sul diritto d'autore i fotogrammi delle pellicole cinematografiche divengono di pubblico dominio a partire dall'inizio dell'anno solare seguente al compimento del ventesimo anno dalla data di trasmissione al pubblico della pellicola stessa. Inoltre l'opera è nel pubblico dominio perché pubblicata negli Stati Uniti fra il 1923 e il 1977, inclusi, senza un avviso di copyright.


Video sull'evento a cura di InToscana:

ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft