Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Clet Abraham

Clet Abraham, cartello stradale a SienaIl suo vero nome è Anacleto ma ormai tutti lo conoscono come Clet, l'artista dei "cartelli stradali": nato in Francia e trasferitosi ormai in pianta stabile a Firenze, Clet Abraham dopo un'esperienza come pittore e scultore "tradizionale" si è infatti avvicinato alla street art che oggi rappresenta la parte principale del suo lavoro.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli interventi urbani che Clet Abraham ha realizzato in varie città d'Italia (Bologna, Firenze, Lucca, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Sassari solo per citarne alcune) e d'Europa (Londra, Parigi, Valencia) sono focalizzati sulla segnaletica stradale che modifica, trasformandole in opere d'arte, senza però alterarne la leggibilità da parte di automobilisti e pedoni.

Le polemiche maggiori sono state suscitate da due opere di Clet: il Cristo crocifisso (inserito all'interno del cartello stradale "strada senza uscita") e L'uomo comune.

L'Uomo Comune, in particolare, è una scultura istallata da Clet su uno degli speroni del ponte alle Grazie a Firenze ma scomparsa per ben due volte di cui la prima nel 2011 (l'opera fu sequestrata dall'amministrazione comunale perchè priva di autorizzazione) e la seconda nel 2013 (in quel caso era stata istallata una copia in polistirolo). Il 27 aprile 2016 Clet ha istallato nuovamente L'Uomo Comune sempre al Ponte alle Grazie annunciando dal sul profilo Facebook: "L'Uomo Comune è tornato!! Come l'alternativa indispensabile all'arte istituzionale!" .

Abbiamo rivolto a Clet Abraham alcune domande per capire meglio la "sua" arte.

Clet Abraham, soprattutto in Toscana (so che sue opere si trovano a Firenze, Prato, Pistoia, Livorno, Lucca e Cascina) lei è conosciuto principalmente per l'intervento (a suo modo anche illegale) sui cartelli stradali. Dagli Uffizi l'arte si è insomma trasferita in strada, all'interno della dimensione quotidiana di ognuno di noi. Può spiegare ai lettori il senso profondo di questa sua scelta?

Il senso è quello di tutto il principio della street art: il contatto diretto con il pubblico che non ha fini commerciali o istituzionali.

Cosa pensa della continua censura da parte dell'amministrazione comunale di Firenze della sua opera L'Uomo Comune? Pensa che "censureranno" nuovamente la sua opera? Oppure hanno finalmente capito il valore artistico e culturale di quell'opera?

Sinceramente non so se hanno capito, forse i singoli personalmente hanno compreso il significato del mio lavoro ma il problema è di un sistema che fa fatica, che non sopporta rimettersi in discussione, ecco quindi il senso della mia arte: portarli a farlo.

La sua è una forma di arte immediata: la street art non può che essere così, arriva dritta al fruitore che, in alcuni casi, è addirittura un fruitore "costretto" nel senso che anche chi non lo sceglie volontariamente spesso si imbatte nelle sue opere d'arte. Mi permetta una battuta: in un momento storico di crisi della nostra società e dei suoi valori fondanti, sta cercando di inculcare arte e cultura anche a chi ne è "allergico" e non entrerebbe mai in un museo?

Diciamo di sì, è un modo di parlare ad un pubblico più vasto, ricerco una complicità al di là dei soliti meccanismi dell'arte.

Quali sono i suoi progetti "toscani" per il futuro? Ha già in mente qualcosa di nuovo?

Ho un progetto interessante per il paese di Poppi, mi piacerebbe trasformare il castello del paese in una grande chioccia. Sto provando ad organizzare questo progetto autonomamente, cercando di autofinanziarla, però non è facile... è un progetto che per ora ha poche certezze ma tanta volontà di portarlo a termine.

(Andrea Gervasi, 8 gennaio 2017)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Youtube.com sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Pubblica la tua foto su ToscanaGo

Notizie collegate

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU

Forum


Il forum gratuito di ToscanaGo
(accedi con password di registrazione al sito)