Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Ristoranti: 1 toscano su 4 si vergogna a portare a casa gli avanzi

comportamento al ristoranteIl risultato di una curiosa indagine di Coldiretti/Ixè: solo 1 su 5 lo fa occasionalmente. Ogni toscano butta nell’immondizia circa 75 chili di cibo all’anno. Montagna di sprechi in Toscana: 300 mila tonnellate all’anno.

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Capita al ristorante di lasciare qualche avanzo nel piatto perché ormai sazi ed appagati. Magari senza avere nemmeno toccato con la forchetta quel profumato piatto di pasta che poco prima avremmo divorato, così come capita di non riuscire a finire una bella bottiglia di vino accuratamente scelta nella carta. E’ successo a tutti, almeno una volta, ma solo un toscano su cinque (20%) ha chiesto al cameriere di mettere gli avanzi nella “doggy-bag”, il box o la vaschetta dove vengono riposti gli avanzi del piatto da riportare a casa. Per un toscano su quattro (25%) chiedere al ristorante di portarsi gli avanzi a casa è addirittura da maleducati, poveracci e volgare. C’è poi un’altra componente psicologica e culturale molto forte che incide in questa direzione: i toscani si vergognano. E’ proprio così.

E’ il risultato di una indagine Coldiretti/Ixe' in occasione dell’introduzione in Francia dell’obbligo per i ristoranti più grandi di rendere disponibile a fine pasto ai loro clienti la doggy bag. La normativa francese entrata in vigore riguarda i ristoranti con più di 180 coperti e fa parte di una iniziativa del governo francese per dimezzare gli sprechi di cibo che per la ristorazione (info su www.toscana.coldiretti.it).

“La riduzione degli sprechi – spiega Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana - è prima di tutto una battaglia di civiltà e di rispetto nei confronti di chi non ha garantito il cibo a sufficienza per condurre una vita dignitosa e serena. Buttare via il cibo equivale ad erodere le speranze di vita di qualcuno. I dati sullo spreco sono impressionanti nonostante ci sia stata una riduzione, per effetto della crisi che ha indotto ad acquisti più ragionati e misurati, alla cucina fai da te e alla riscoperto delle ricette degli avanzi: ogni anno, ogni toscano, butta nell’immondizia, circa 75 chili di cibo. 300mila tonnellate nell’anno solare. Una montagna di cibo che rappresenta una montagna di spreco.

La rivoluzione culturale deve iniziare nelle case di ciascuno di noi ma anche nei ristoranti e nei luoghi della somministrazione: ci si dovrebbe vergognare a buttare il cibo nella spazzatura non nel chiedere al cameriere di prepararci una vaschetta con gli avanzi”. Purtroppo in Italia, così come in Francia, esiste un blocco culturale che impedisce di chiedere di portare a casa il cibo o il vino avanzato. Negli Stati Uniti la doggy-bag è invece una prassi consolidata, anche dai Vip. A fronte di un 25% che ritiene che sia da maleducati, c’è un 12% che richiede raramente la doggy-bag, il 15% non saprebbe che farsene mentre – conclude Coldiretti - una maggioranza relativa del 28% degli italiani non lascia alcun avanzo quando va a mangiare fuori. Per loro il problema non si pone.

(Coldiretti Toscana, comunicato stampa 6 gennaio 2016, n. 3)

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU