Contenuto Principale

Finocchiona Igp: stop al falso "Finocchiono" Usa

Finocchiono UsaProdotta e venduta a New York è uno dei tanti prodotti tarocchi scovati da Coldiretti in questi anni in giro per il mondo insieme ai vari Sangiovese – Chianti "Forest Ville" prodotto nella Napa Valley al salame "Toscano" prodotto in qualche paese sconosciuto degli Usa, al "Fennel Pollin Saleme" e alla "Palenta" prodotta in Serbia oltre che l'olio extravergine che sfrutta immagini e riferimenti della toscanità, come per esempio Firenze, per commercializzare confezioni il cui l’olio è la somma di miscele provenienti da paesi europei.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Prodotti che con la Toscana non hanno nulla a che fare se non etichette fuorvianti ed evocative ma che grazie alla toscanità e al “presunto” legame con la regione del buon vivere finiscono sugli scaffali arrecando un gravissimo danno economico e di immagine al nostro fortissimo paniere di prodotti e alle nostre imprese agricole. Lo rende noto Coldiretti Toscana dopo la pubblicazione, da parte del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del Regolamento di esecuzione con l'iscrizione della denominazione Finocchiona IGP (info su www.toscana.coldiretti.it). Si consolida così il primato della qualità e della varietà agroalimentare della Toscana che con 463 “bandiere del gusto” è la regione con la più alta concentrazione nazionale di specialità alimentari.

La zona di produzione della Finocchiona Igp comprende l'intero territorio continentale della Toscana, escludendo le isole. La principale caratteristica che differenzia e rende la Finocchiona unica nel panorama dei salumi è il marcato e inconfondibile aroma del finocchio utilizzato in semi e/o fiori nell'impasto e la morbidezza della fetta che talvolta tende a sbriciolarsi al momento del taglio. Per questo è anche chiamata “Sbriciolona”.

“Il riconoscimento dell’Ue della Finocchiona Igp è un segnale importante e positivo - spiega Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana - in vista anche dell’apertura dell’Esposizione Universale di Milano e che avrà, proprio nella Toscana del buon vivere, una delle attrazioni più ambite e ricercate da parte dei visitatori”. Va proprio in questa direzione l’appuntamento in programma lunedì 27 aprile, alle ore 9.30, all’Hotel Baglioni, a Firenze, per presentare i primati della Toscana e la sua riconosciuta attrattività all’estero per l’offerta enogastronomica ed ambientale, come emerge dalla studio su tutte le realtà regionali presentato. Per l’occasione sarà l’allestito il salone dei “Souvenir più gettonati dai turisti stranieri” e sarà presentata “Farmers for you” la prima App per indicare ai visitatori italiani e stranieri dove dormire, mangiare o acquistare prodotti direttamente dagli agricoltori in oltre 10mila punti di Campagna Amica in tutta Italia.

La lista dei prodotti: finocchiona Igp, agnello del centro Italia Igp, Cinta Senese Dop, Vitellone bianco dell’Appennino centrale Igp, Lardo di Igp, Colonnata Igp, Mortadella Prosciutto Toscano Dop, Salamini italiani alla cacciatora Dop, Pecorino Dop (Toscano e Romano), Miele della Lunigiana Dop, Castagna del Monte Amiata Igp, Fagiolo di Sorano Igp, Farina di Castagne della Lunigiana Dop, Farina della Garfagnana Igp, Neccio della Garfagnana Dop, Farro della Garfagnana Igp, Fungo di Borgotaro Igp, Marrone del Mugello Igp, Marrone di Caprese Michelangelo Dop, Panforte di Siena Igp, Ricciarelli di Siena Igp e Zafferano di San Gimignano Dop; cinque gli oli extravergine riconosciuti, l’Igp Toscano ed i Dop Terre di Siena, Lucca, Seggiano e Chianti Classico.

(Coldiretti Toscana, comunicato stampa 23 aprile 2015, n. 103)

FOTO COPYRIGHT TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA


Web Soft