Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Turismo in Toscana: sempre più vino ed agriturismo

ToscanaIl turismo? Sempre più legato al vino e la Toscana, con la provincia di Siena, in particolare, grazie alle sue Doc e Docg e alle specialità tradizionali si afferma sempre di più attrazione turistica. A dirlo è “rete Sviluppo” un istituto di ricerca nato nel 2008 come spin-off del Corso di Laurea in Analisi e Politiche dello Sviluppo Locale e Regionale dell’Università degli Studi di Firenze, della Facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri.

Immagine allegata al comunicato stampa.

Secondo il team di esperti, con competenze multidisciplinari in sociologia, economia, demografia, diritto e metodologia della ricerca sociale, sarebbe il binomio strada del vino - agriturismo a realizzare i migliori risultati in termini turistici nel territorio senese. Nel corso del 2014 gli arrivi negli agriturismi del territorio della Strada del Vino Chianti Classico sono cresciuti, rispetto al 2013, del 13,63%, mentre quelli relativi alla Strada del Vino Orcia del 14,94%; bene anche la Strada del Vino Nobile di Montepulciano (+13,85%) contro un dato provinciale che vede invece una crescita più contenuta (+6,18%).

“Come avevamo visto in una nostra precedente analisi - commenta Nicolò Caciotti, ricercatore di reteSviluppo - il turismo enogastronomico, legato alle Strade del Vino ed agli Agriturismi sta facendo registrare risultati estremamente positivi. Se infatti guardiamo i dati degli stessi territori riguardanti il settore alberghiero notiamo una netta contrapposizione: gli arrivi alberghieri nel 2014 dei territori del Chianti Classico decrescono dell’1,07%, cosi come quelli del Vino Orcia (-1,12%).”

In positivo anche gli arrivi negli agriturismi della Strada del Vino Vernaccia di San Gimignano (+5,44%), che anche in questo caso superano gli arrivi alberghieri (+1,14%).

“Anche la specializzazione turistica dell’agriturismo nei territori attraversati dalle Strade del Vino - continua Caciotti - mostra come il territorio punti molto su tale tipo di risorsa, capace di contribuire alla destagionalizzazione dei flussi turistici”.

Molto positivi anche i dati delle presenze turistiche negli agriturismi: se a livello provinciale l’aumento delle presenze rispetto al 2013 è solamente dell’1,22%, nei territori del Vino Orcia la crescita è del 6,38% ed addirittura del 10,96% e del 12,30%, rispettivamente, nella Strada del Vino Chianti Classico e nella Strada del Vino Nobile di Montepulciano.

“L’altro dato significativo è che è il turismo italiano - conclude Caciotti - a registrare i risultati migliori: nel territorio del Vino Orcia gli arrivi italiani sono cresciuti del 18,01% (+12% gli stranieri); nel territorio del Chianti Classico gli arrivi italiani crescono del 18,03%, contro il +12,51% degli stranieri e così anche nelle altre due Strade del Vino senesi: nel territorio del Vino Nobile di Montepulciano +20,42% gli italiani e +9,89% gli stranieri; per quanto riguarda la Strada del Vino Vernaccia di San Gimignano +8,66% gli italiani e +4,22% gli stranieri”.

(MTV Toscana, comunicato stampa)


Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU