Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

WA! Japan Film Festival 2014

L'unico evento in Italia interamente dedicato al cinema giapponese. Giunto alla 4a edizione, l'ex Rassegna di Cinema Giapponese Firenze, presenta un format completamente rinnovato. L'appuntamento è a Firenze (8-11 maggio, Cinema Odeon) e per la prima volta anche a Milano (13-15 maggio, Auditorium San Fedele, Cinema Apollo). Il festival è inserito nel cartellone della “Primavera di Cinema Orientale”, realizzato per Regione Toscana da Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.

Nel concorso saranno presentati un totale di 15 lungometraggi, tra Firenze e Milano: commedie, film drammatici, opere di animazione di grande successo in Giappone, con un’attenzione anche alla scena indipendente e ai giovani esordienti. In programma anche 19 cortometraggi selezionati dal Sapporo Short Fest e dal Japan Media Arts Festival, evento giapponese di arti multimediali che spazia dall’animazione al fumetto, dall’arte contemporanea al videogioco. Tra i corti in programma anche Abita di Shoko Hara e Paul Brenner, un pensiero di rinnovata solidarietà che il festival dedica alle popolazioni colpite dal disastro del 2011.

Ogni anno il festival è “gemellato” con una città giapponese, al di fuori delle grandi metropoli, per evidenziare le diversità gastronomiche e culturali delle molte tradizioni del Sol Levante. La 4a edizione vede protagonista la cittadina di Takaoka, celebre per la bravura dei suoi artigiani e la produzione di oggetti in metallo e la città di Kagoshima, conosciuta come la Napoli del Giappone per il suo clima mite e la skyline del vulcano Sakurajima sullo sfondo.

Al Japan Village, lo stand allestito a Firenze in Piazza Strozzi durante i giorni del festival, sarà possibile acquistare i prodotti gastronomici di Kagoshima, tra cui il celebre liquore shochu satsuma, e ammirare le creazioni artigianali del collettivo Takaoka Dentousangyouseinenkai.

PROGRAMMA FIRENZE

Ad aprire il festival a Firenze, giovedì 8 maggio, sarà l’anteprima internazionale di Rokugatsudou no sanshimai di Kiyoshi Sasabe. Il regista Sasabe, molto celebre in Giappone con più di 15 film all'attivo, e l’attore protagonista Seishiro Nishida saranno presenti a Firenze. Il film è una storia familiare, interamente girato nella prefettura di Kagoshima e fortemente voluto dallo stesso Nishida Seishiro. Prima del film sarà presentato Suzu di Seiichi Hishikawa, alla presenza del regista, cortometraggio che racconta la realtà degli artigiani della città di Takaoka.

WA! MANGA

Il programma dà ampio spazio al fenomeno molto comune in Giappone delle trasposizioni cinematografiche tratte dai manga: Soul Flower Train di Hiroshi Nishio, dalla serie di Robin Nishi, racconta l’epopea di un anziano pensionato alla ricerca della figlia che non vede da anni e di cui conserva solo una vecchia fotografia (anteprima italiana alla presenza del regista). L’anime Lupin the 3rd vs Detective Conan: The Movie di Hajime Kamegaki, fa incontrare due importanti personaggi manga: il ladro Lupin III, nato dai disegni di Monkey Punch, e il piccolo detective Conan, creato dal mangaka Gosho Aoyama. Pecoross' Mother and Her Days di Azuma Morisaki, tratto dal manga di Yuichi Okano, vincitore del premio al merito al Japan Cartoonist Award del 2013, ispirato all'esperienza autobiografica dell'autore occupato ad accudire la madre affetta da demenza senile. Musashino-sen no shimai di Jun'ichi Yamamoto, tratto dal fumetto di Yukiwo, fa scoprire il fenomeno tutto giapponese dei Maid Café, con cameriere vestite in stile vittoriano-francese, attraverso la storia di due sorelle, Ran e Pandora.

WA! ESSAI

Per la sezione d'essai, saranno presentati a Firenze il delicato e commovente The Little House di Yoji Yamada, in concorso all’ultima Berlinale, dove è stato premiato con l’Orso d’argento per la migliore attrice a Haru Kuroki (anteprima italiana); l’horror di satira sociale Miss Zombie, nuovo film del prodigioso Sabu, in cui i non-morti sono impiegati come domestici nella case dei benestanti, girato in bianco e nero, che omaggia sia i classici dell’orrore dell’epoca del muto che la nuova ondata di invasione zombie; The Great Passage di Yuya Ishii, film che ha rappresentato il Giappone agli Academy Awards 2014 e ha ottenuto sei riconoscimenti del Japan Academy Prize, tra cui miglior film, miglior regista, miglior attore protagonista e migliore sceneggiatura (anteprima italiana).

WA! POP

Per gli appassionati del cinema di genere è da segnalare l’atteso ritorno di Noboru Iguchi che, dopo il clamoroso successo di pubblico per Dead Sushi nella passata edizione, ci delizia con un altro progetto folle e coloratissimo: Gothic Lolita Battle Bear. Il film fonde in una scanzonata commedia action-horror a basso costo, moda gothic lolita (adolescenti vestite con lussuosi abiti rococò), tokosatsu (le serie televisive con supereroi in costume, in stile Power Ranger), zombie, otaku e altre irresistibili idee demenziali (tra cui uno spericolato orsacchiotto assassino!). Tamako in Moratorium, nuovo film di Nobuhiro Yamashita, già regista di capolavori come “Linda Linda Linda” e “A Gentle Breeze in the Village”. Tratto dalla webserie di Music On! TV, è uno sguardo intelligente sul problema dei neet, giovani che non studiano ma che non si impegnano nemmeno nella ricerca di un lavoro.

Grazie a un paio di mutandine femminili in testa, il liceale Kyosuke Shikijo si trasforma nel supereroe Hentai Kamen, guadagnando incredibili poteri. HK: Forbidden Super Hero di Yûichi Fukuda è tratto dal manga di Keishu Ando ed è una commedia d'azione totalmente imprevedibile. Non manca la reprise dalla Mostra del cinema di Venezia con Why Don't You Play in Hell? di Sion Sono, occasione per gustare uno dei talenti più fulgidi e irriverenti del panorama giapponese contemporaneo.

OSPITI

Hiroshi Nishio, regista di Soul Flower Train, che nel 2004 si è aggiudicato il Gran Prix al CO2 - Cineastes Organization Osaka per il film indipendente "National Anthem”. Kiyoshi Sasabe, regista di Rokugatsudou no sanshimai e Seishiro Nishida attore protagonista. L’eclettico Seiichi Hishikawa, regista di spot e video musicali, produttore di programmi televisivi, pluripremiato al Festival Internazionale della Creatività Cannes Lions, che presenterà il suo primo film cortometraggio Suzu. Daigo Matsui, classe 1985, regista di Sweet Poolside e già autore del divertentissimo “Afro Tanaka”.

WA! EXTRA

A Firenze, l’8 maggio alle 12.30, si terrà la tradizionale sfilata in kimono per le vie del centro, a partire dal cinema Odeon. Per l’occasione i partecipanti arrivano direttamente dal Giappone, offrendo un entusiasmante scambio interculturale.

WA! Milano

Da non perdere a Milano due titoli in anteprima mondiale: Sweet Poolside di Daigo Matsui, esilarante commedia che racconta dello strampalato incontro tra il liceale Toshihiko, totalmente glabro, e la pelosissima Ayako (alla presenza del regista); Yuto-kun ga Iku di Ryo Higuchi e Aya Otawa, mediometraggio animato tratto dall'omonima serie animata e ispirato alla vita del giocatore giapponese in stanza all'Inter, Yuto Nagatomo (alla presenza del giocatore Yuto Nagatomo). In anteprima italiana The Ravine of Goodbye di Tatsushi Omori: dopo l'omicidio di una bambina, la madre Satomi viene arrestata. Presto la polizia scopre che la donna aveva una relazione con il vicino di casa Shunsuke.

PREMIO DEL PUBBLICO

I film dell'intero festival, esclusi i cortometraggi, saranno giudicati dal nostro pubblico che sceglierà il vincitore.

WA! è un suono onomatopeico che esprime entusiasmo; è uno degli ideogrammi con cui veniva anticamente chiamato il Giappone; è un suffisso che significa armonia, pace, circolarità. WA! Japan Film Festival è tutto questo: un festival giovane e popolare che cavalca la contemporaneità pur mantenendo un saldo legame con la tradizione, con l‘ambizione di promuovere l’interscambio culturale tra Giappone e Italia.

WA! Japan Film Festival è organizzato dall’associazione culturale giapponese Tokaghe, realizzato in collaborazione con Regione Toscana, Fondazione Sistema Toscana, Fondazione Culturale Stensen, Fondazione Culturale San Fedele e con il contributo di Daikin, Subaru, All Nippon Airways, Casio, Nomura, Konica Minolta, Italia Fudosan e il patrocinio dell’Ambasciata del Giappone in Italia, della Provincia di Milano, del Comune di Milano e del Comune di Firenze.

(WA! Japan Film Festival, comunicato stampa)


ToscanaGo declina ogni responsabilità sull'uso di immagini ed audio presenti nel video. Per qualsiasi violazione di diritti d'autore o altro rivolgersi a Wajapanfilmfest.it sui cui server si trovano i video che la nostra pagina visualizza semplicemente.

Web Soft