Contenuto Principale

Bevignano: l'agriturismo filosofico in Toscana

L'azienda aretina di Monte San Savino vince l’Oscar della "creatività agrituristica" toscana nell’ambito di Agri@Tour, l'edizione 2013 del Salone Nazionale dell’Agriturismo di Arezzo.

L'immagine non si riferisce all'agriturismo di cui si parla nell'articolo.

L’azienda (agriturismo Bevignano), che aderisce a Terranostra, l’associazione degli agriturismi di Coldiretti, sorge al centro di 80 ettari di boschi, prati e oliveti, coltivati con metodo biologico. Tra le prime sorte nel territorio, produce olio extravergine d’oliva e legna da ardere. Degli edifici che la compongono, articolati in unità abitative indipendenti a cui si aggiunge una piccola chiesetta, si trova traccia già nei catasti del 1600. L’agriturismo è nato con la precisa volontà di offrire un servizio a chi decide di rallentare i ritmi di vita concedendosi una vacanza a contatto con la natura. Per questo motivo negli appartamenti volutamente mancano i televisori.

Non solo una vacanza ecologica e semplice che punta a costruire armonia con la natura e a rallentare i tempi di vita, quindi, ma anche una vacanza filosofica. "Da due anni a questa parte - spiega Alessio Clemente Maina - è questa la novità proposta dall’azienda, in cui è possibile avere una consulenza filosofica, secondo l’impostazione di Achenbach e Vaglerie, oppure fare e passeggiate filosofiche. La consulenza e le passeggiate possono essere su tema scelto da noi, oppure richiesto dagli ospiti; possono essere proposte a singoli, coppie, oppure gruppi; essere concentrate in un week end o nella settimana".

Particolare attenzione viene offerta ai piccoli ospiti e alle vacanze per le famiglie, che nasce dalla convinzione che il tempo delle vacanze è un tempo speciale da dedicare ai propri figli per godersi la bellezza dello stare insieme edel divertirsi insieme. Qui le famiglie trovano giochi e libri significativi negli appartamenti e hanno la possibilità di partecipare a uno o più laboratori, improntati ad una proposta educativa gentile e lenta che poggia le sue basi nelle idee di Pikler, Berne, Bowlby, Montessori, Thich Nhath Han, Lipman, e che ha al suocentro l’idea che i bambini e le bambine debbano avere tempo e spazio per non fare niente, ascoltare e osservare la natura, giocare con materiali semplici e divertirsi insieme ai loro genitori, con lentezza, allegria, dolcezza e semplicità. E che abbiano diritto alla bellezza, per questo non si trova niente di "urlato", non ci sono gonfiabili o scivoli di plastica.

"Non ci piacciono i bambini stremati dopo una giornata in un centro commerciale - spiega ancora il titolare - ma troviamo bellissimo vederli correre o cercare le lucciole di notte". Proprio con questa idea di costruire momenti di bellezza, in estate, viene organizzata una piccola rassegna che si chiama Maglie di pace: una serie di eventi volti a tessere la pace nella relazione con se stessi, con gli altri, con i propri figli e con il mondo”. Si tratta di spettacoli teatrali per famiglie, laboratori, concerti, feste da ballo dal sapore antico, dove genitori e bambini insieme possono vivere momenti di bellezza, ballare al suono di vecchi flauti e fisarmoniche suonante in acustico o godersi uno spettacolo nel giardino-teatro. Poiché tutto questo è figlio di una prospettiva educativa densa, che ha al suo centro la consulenza filosofica alla genitorialità, i genitori che lo desiderano possono usufruire anche, durante la loro vacanza, di una consulenza filosofica alla genitorialità gratuita.

(Coldiretti Toscana, comunicato stampa 16 novembre 2013, n. 331)

FOTOGRAFIE TOSCANAGO © RIPRODUZIONE RISERVATA



Visualizzazione ingrandita della mappa

Web Soft