Contenuto Principale
Italian Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

AgrieTour 2017: torna il salone nazionale dell'agriturismo

AgriturismoDal 17 al 19 novembre ad Arezzo Fiere torna l'appuntamento più importante dedicato al settore: arriva la sedicesima edizione, quest'anno dal tema "Naturale all'italiana - L'agriturismo è la vacanza preferita dai turisti", del Salone nazionale dell'agriturismo e dell'agricoltura multifunzionale che si rinnova nella propria immagine e accompagna l'evoluzione di un settore che dal 1998 a oggi è cresciuto del 129%. Oltre 11 milioni di "agrituristi" all'anno scelgono la campagna.

FOTO TOSCANAGO - RIPRODUZIONE RISERVATA

Riscoprire il rapporto con la natura e ritornare ad una vita semplice, dai valori essenziali. Un gusto ed uno stile tutto italiano. Italianità non solo nella natura e nel paesaggio, ma anche nell'accoglienza, nei prodotti tipici, nei saperi e nella tradizione, nel vivere lo sport e il tempo libero. Made & Living Italy. "Naturale all'italiana". E' dal sentimento di approccio dei turisti nei confronti dell'agriturismo che nasce la nuova immagine di AgrieTour, il Salone nazionale dell'agriturismo e dell'agricoltura multifunzionale che si svolgerà ad Arezzo Fiere dal 17 al 19 novembre con la sedicesima edizione. L'immagine è quella di un romantico volto femminile di profilo con un paesaggio rurale nei capelli. « Lo stile creativo tipico della moda, poco utilizzato in questo settore, ha il compito di far emergere e posizionare i contenuti del Salone, le peculiarità e le sensazioni distensive che abbiamo deciso di trasmettere sono territorio e natura – spiega Andrea Boldi, presidente di Arezzo Fiere e Congressi – e "naturali sensazioni" è il pay off che abbiamo scelto per indicare il valore a cui la fiera si vuole ispirare».

Un concept più attuale, fresco, dinamico che vuole incontrare i nuovi gusti del pubblico e trasmettere un chiaro posizionamento della fiera perché AgrieTour ha creduto fin dall'inizio nelle aziende italiane che investono nella naturalità. Agriturismi, in primis, in grado di trasmettere ai turisti "naturali sensazioni" che li accompagneranno durante il loro soggiorno: dall'hospitality, all'enogastronomia, alle coltivazioni a Km 0. un nuovo modo di intendere la vacanza in agriturismo, al passo con i tempi, per consumatori e turisti sempre più evoluti. Il progetto è stato curato dall'art director Enrico Indelli con le fotografie di Vito Rizzi, la modella è Alessa Fisher.

Agriturismo, un settore in crescita costante. Non è un caso considerato che in questi sedici anni di AgrieTour infatti, secondo Ismea, sono oltre 165 milioni le notti passate negli agriturismi, oltre 190 mila ettari di paesaggio curato e fruibile grazie alla presenza delle attività agrituristiche, e oltre 22 mila fabbricati restaurati con un significativo recupero del patrimonio edilizio rurale. E poi ancora oltre 260 mila aziende con vendita diretta, 2.384 aziende con attività didattiche e circa 1200 aziende stimate con attività sociali. Sono i numeri della multifunzionalità italiana, che da soli basterebbero per testimoniare il valore della diversificazione delle attività in agricoltura. Tra le curiosità che più di un'azienda agrituristica su tre (36,1%), è a conduzione femminile.

L'identikit dell'agriturista. Gli undici milioni di agrituristi registrati nel 2016, secondo l'Osservatorio AgrieTour, hanno scelto questa vacanza per degustare la cucina e immergersi nella natura (38%), a seguire (16%) preferisce un'azienda dove provare un po' tutte le peculiarità di questo tipo di vacanza: natura, enogastronomia, relax e attività dentro e fuori l'agriturismo. Seguono a distanza le preferenze per una vacanza incentrata sull'attività dentro e fuori l'azienda. Se gli agrituristi italiani propendono per una vacanza all'insegna del mangiar sano (84%) e del risparmio (91%), gli agrituristi stranieri cercano nella vacanza in agriturismo la tranquillità (84%) e l'attenzione all'ambiente (79%). Tra il 2009 e il 2012 cresce l'età media degli agrituristi: si registra un forte calo degli under 35 mentre aumentano gli over 50. Nel 2009 i turisti rurali sotto i 35 anni erano quasi il 20%, oggi sono il 10%. Varia anche il tipo di compagnia scelta per la vacanza in agriturismo: se nel 2009 si sceglieva principalmente il proprio partner (57% contro 50%), oggi si preferisce soggiornare in agriturismo con tutta la famiglia, bambini compresi (54% contro 48%). Le famiglie scelgono l'agriturismo per rilassarsi e degustare la cucina ma allo stesso tempo visitare attrazioni naturalistiche o storiche nei dintorni (36%) e fare attività nell'azienda (20% contro il 16% della media). Le famiglie sono particolarmente attente agli agriturismi che offrono un ambiente familiare (48% contro il 44% della media) e naturalmente, spazi e attività dedicati ai bambini (38% conto il 23% della media). Fra le attività più gettonate l'equitazione (34% contro il 28% della media).

AgrieTour è l'unico grande appuntamento in Italia dedicato al mondo della vacanza rurale, una grande vetrina per l'agriturismo e per chi ha scelto la campagna come stile di vita, che in quei giorni potranno incontrarsi per sviluppare un settore che, stando ai dati, pare non conoscere crisi. Dai workshop per gli operatori ai Master di formazione per gli addetti ai lavori, passando per gli approfondimenti tematici promossi dalle associazioni di categoria e non soltanto. Un ricco calendario di eventi con convegni, presentazioni di indagini e ricerche di settore, seminari, degustazioni, borse turistiche e dimostrazioni pratiche per entrare a diretto contatto con il mondo dell'agriturismo e della vita in campagna.

(Agri@Tour, comunicato stampa 6 ottobre 2017, n. 6)

FOTO TOSCANAGO - RIPRODUZIONE RISERVATA

Web Soft
Ricerca / Colonna destra

Notizie collegate

Info Provincia di Arezzo

CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

SEGUICI SU